Germania al voto nella Saar, Merkel frena l'effetto Schulz

Adjust Comment Print

"Ci sono giorni buoni e meno buoni: non direi che quello di oggi appartiene a quelli buoni per l'Spd". "Sono un vecchio calciatore", ha aggiunto, "e i giorni meno buoni rappresentano comunque una motivazione". "Così va benone". Kramp-Karrenbauer ha poi attribuito il successo a un "voto basato sulla fiducia" nel lavoro del suo esecutivo, ma non ha osato poi inviare alla cancelliera tedesca un segnale sulla futura coalizione di Berlino, in entrambi i casi un'alleanza Cdu-Spd.

"Abbiamo fatto campagna politica insieme, io e Angela Merkel. Guardiamo avanti con ottimismo".

Ieri nel più piccolo Land tedesco il partito cristiano democratico guidato dalla mini Merkel ha vinto nettamente ottenendo il 40,7% dei consensi e crescendo di oltre cinque punti percentuali rispetto al 2012. Perde invece ben 3 punti la Linke di Oskar Lafontaine, da sempre molto forte in questo Land. Ben tre partiti non sono riusciti a raggiungere la soglia di sbarramento e restano fuori dal Parlamento regionale: i Verdi (4,0%), i liberaldemocratici (3,3%) e i Pirati (o, 7%).

Tragedia in provincia di Enna: bambino muore cadendo da una scala
I carabinieri del comando provinciale di Enna stanno indagando per chiarire con esattezza la dinamica dell'incidente. La Procura di Enna , che non ha disposto l'autopsia, ha aperto un fascicolo conoscitivo a carico di ignoti.

Premiata, in sostanza, la popolarità della governatrice in carica Annegret Kramp-Karrenbauer.

Se fosse arrivata leggermente dietro la sua avversaria della CDU, la candidata della SPD avrebbe potuto infine sperare di governare il Land formando una coalizione con il partito di estrema sinistra Die Linke, a condizione però che quest'ultimo avesse ottenuto un punteggio sufficiente per sperare a sua volta di formare una coalizione con i socialdemocratici. A sei mesi dalle elezioni politiche, la formazione di una coalizione "rossa" in Saarland guidata da SPD e Die Linke sarebbe stata considerata come un possibile segno di cambiamento anche a livello nazionale.

Con appena un milione di abitanti, il voto nella Saar era considerato il primo test per valutare lo "Schulz-effekt", ossia il grande boom nei sondaggi messo a segno dalla Spd da quando il candidato alla cancelleria dei socialdemocratici è l'ex presidente del Parlamento europeo.

Comments