Pd, sale l'affluenza nei circoli Piombino: qui 29 votanti, perché?

Adjust Comment Print

Letta indica chiaramente Renzi come "mandante" della sua esclusione e si schiera apertamente, alla vigilia delle primarie: "Ho deciso di dare un'ultima chance al Pd e in questo bivio sosterrò la candidatura di Orlando, che reputo in grado di unire il Partito democratico".

Diciotto, si diceva, i circoli che sono andati al voto: San Giorgio, Paperino, Cafaggio, San Giusto, Soccorso, Nuova San Paolo (unico circolo che ha visto la vittoria di Orlando con 10 voti contro i 7 di Renzi), La Macine, La Pietà, Oste, Vaiano, Attrazzionisti, Casale, Chiesanuova, Figline, Maliseti, Tintori, Grignano e Primo Maggio. Ed è una notizia: perché è la prima volta che lo dice, ma soprattutto perché non era per nulla scontato che il direttore dell'istituto di Studi politici di Parigi votasse per scegliere il segretario di un partito in cui da tempo non vive più.

Brooke 260 Double R
L'auto ha la capacità di passare da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi, una performance eccellente per questo tipo di auto. Questo la colloca nella categoria delle vetture super-leggere come tutte le altre vetture sportive della stessa categoria.

"A presentare le tre mozioni congressuali sono stati Pietro Nestola (mozione Renzi), Gigi Nestola (mozione Emiliano e componente della Commissione di garanzia regionale per il congresso) e Giuseppe Rosafio (mozione Orlando) -scrivono i tesserati Pd - dopo la discussione delle mozioni si sarebbe dovuto votare fino alle ore 17.00".

"Non possiamo continuare a dire è colpa dell'Europa, perchè l'Europa siamo noi -prosegue il Guardasigilli- E' giusto criticare il rigore e l'austerità ma si deve dire come si vogliono cambiare queste regole. Il risultato finale è stato di 14 voti per Renzi (93,3%), uno per Orlando e zero per Emiliano". Sul suo allontanamento dal Pd infine, Letta ne approfitta per togliersi qualche sassolino dalla scarpa: "Non mi sono fatto da parte, sono stato mandato via dal mio partito e ho preso atto di questo". Si è parlato di riorganizzare il Partito Democratico e dell'importanza di avere un leader forte affiancato da un partito altrettanto forte con il segretario provinciale Paolo Nicolai e il segretario di Montegiorgio Carlo Sforza. Il clima è di partecipazione e di confronto sereno. "Prato è comunque perfettamente in linea con il dato delle votazioni in regione".

Comments