Consip, Emiliano sentito come testimone in procura

Adjust Comment Print

Il governatore Pd della Puglia MicheleEmiliano sentito per oltre un'ora in procura a Roma cometestimone nell'inchiesta Consip sulla centrale acquisti dellaPubblica amministrazione. A raccogliere le sue dichiarazioni il sostituto procuratore Mario Palazzi e il Procuratore Capo Giuseppe Pignatone.

Durante il suo incontro con il pm Mario Palazzi, Emiliano gli ha mostrato gli sms conservati sul suo telefono cellulare. Il testo dei messaggi è stato acquisito dai magistrati. Nell'inchiesta è stato arrestato l'imprenditore Alfredo Romeo e sono indagati per rivelazione del segreto d'ufficio e favoreggiamento il ministro dello sport Luca Lotti e per traffico di influenze illecite il padre di Matteo Renzi, Tiziano, e un suo amico imprenditore di Scandicci, Carlo Russo.

David di Donatello 2017: ecco chi sono i favoriti
Per la migliore sceneggiatura originale troviamo Filippo Gravino, di Capua, autore per il lungometraggio Veloce come il vento . Ancora una volta sarà Alessandro Cattelan a condurre la cerimonia dagli Studios di via Tiburtina in Roma .

Sempre Emiliano risponderà agli inquirenti anche in merito a uno scambio di sms intercorse nello stesso periodo fra lui e Tiziano Renzi.

L'ipotesi della procura è che Romeo possa aver beneficiato del rapporto di amicizia Renzi-Russo per mettere le mani sugli appalti Consip. Ascoltato come persona informata sui fatti dai pm nell'ambito dell'inchiesta Consip ha consegnato lo scambio di sms avuto con il ministro Luca Lotti. Ma con altrettanta franchezza voglio dire che la serenità che ho dentro, perchè conosco la verità e so che verrà a galla, non mi impedisce di continuare a fare il mio lavoro e di provare a dare una mano allo sport in Italia e alle associazione che fanno sport.

Comments