OMC 2017: il sindaco de Pascale incontra Descalzi, amministratore delegato di Eni

Adjust Comment Print

Descalzi sarà di nuovo a Ravenna, dove Eni opera da 50 anni, il 10 e 11 aprile per presentare i progetti in fase di avvio sempre che non insorgano divieti legati alla questione delle 12miglia dalla costa per la realizzazione dei pozzi. "Siamo al 60%, abbiamo venduto BP e Rosneft e abbiamo un'opzione con Rosneft", ha spiegato Descalzi.

"Ora - ha detto Descalzi - importiamo il 90% e paghiamo il gas molto più degli altri e il nostro tessuto industriale muore perché non si può competere con chi paga il gas tre, quattro volte meno".

Eni, presente in Messico dal 2006, e dal 2015 con la sua controllata al 100% Eni Mexico, ha perforato con successo il pozzo Amoca-2.

"Non è stata ancora presa una decisione" sul retail gas & power. C'è un grandissimo interesse sia dalla parte industriale che dei fondi.

Difendeva la ragazza, morto 20enne pestato fuori un club a Alatri
Morganti è stato inizialmente trasportato all'ospedale San Benedetto di Alatri e poi trasferito in elicottero a Roma . I genitori, vista la situazione ormai disperata, hanno autorizzato l'espianto degli organi .

Ieri l'amm del di ENI Claudio Descalzi ha chiarito che su Ravenna e sull'Adriatico, al momento, sono confermati investimenti per 600 milioni di euro nelle ricerche offshore in Adriatico con avvio delle operazioni in estate. "Stiamo facendo la societarizzazione con un suo ceo - ha proseguito l'ad di Eni -".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

All'edizione 2017 di OMC, la tredicesima, che rimane la principale vetrina dell'oil & gas nel bacino del Meditteraneo, il vero hub del gas mondiale, sono attesi 20mila operatori del settore attirati anche dall'area espositiva con 650 aziende di standing mondiale. E, su come si possa centrare l'obiettivo, il ceo ha indicato due possibili strade: "O compri una piccola percentuale per acquisire capacità o compri capacità".

Comments