Napoli-Juve, le formazioni ufficiali: fuori Mertens, c'è Milik. Dybala con Higuain

Adjust Comment Print

"Abbiamo fatto una grande partita, abbiamo fatto tre gol ad una squadra che subisce pochissimo, ma non siamo riusciti a portare in fondo un'impresa". Un pizzico di rammarico ci rimane perché alla fine i venti secondi di Torino, in cui si poteva passare dal 2-2 al 3-1, pesano.

Partiamo dagli azzurri, con Sarri che dovrebbe recuperare Reina tra i pali: lo spagnolo si è allenato in gruppo a Castel Volturno e le sensazioni sembrano essere positive, anche se il dubbio verrà sciolto a ridosso della partita. Insigne, Mertens, Callejon? E' una situazione evidente, sono continuamente pericolosi. Mertens davanti? Si esaltano i tre piccoli davanti. Milik ha fatto bene nella prima fase, poi il gol subito ha pesato mentalmente, in quella fase è calata tutta la squadra. Sarri replica così: "Non siamo contenti per non aver passato il turno ma la sensazione è che possiamo batterli nella singola partita".

Coppa Italia, per Roma e Napoli missione non impossibile
Questo sia per le caratteristiche strutturali dei suoi attaccanti, sia per il modo di coprire l'area di rigore della Juventus. Il Barcellona? Il calcio cambia da un momento all'altro e una squadra che tutti davano per spacciata è arrivata ai quarti.

Cosa ci manca per vincere? Commettiamo troppi errori individuali, ma a livello complessivo siamo cresciuti molto. Domenica abbiamo messo in difficoltà la Juve ed oggi, cambiando tanti giocatori, l'abbiamo fatto ancora. Il miglior talento italiano, speri diventi una bandiera. Negli ultimi cinque sei mesi ha una continuità impressionante.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski, Diawara, Hamsik; Callejon, Milik, Insigne. Quando si esalta può fare la differenza. Novanta minuti (o forse di più) del tutto diversi da domenica sera, con i partenopei che avranno bisogno di un maggiore peso offensivo rispetto al solo dinamismo del tridente leggero per tentare la rimonta.

Comments