Procuratore Pecoraro in audizione all'Antimafia "La Juventus omaggiava biglietti alla criminalità"

Adjust Comment Print

Bindi ha poi chiarito un aspetto che era stato al centro di polemiche nella precedente audizione, con i legali della Juventus: "Voglio sia chiaro un punto dopo le affermazioni che fa il procuratore in riferimento a quella telefonata (in cui si parlava di a rapporti diretti tra Andrea Agnelli e il presunto 'ndranghetista Dominello), Pecoraro ammette oggi che in quella telefonata non si sta parlando del presidente della Juve Andrea Agnelli". Una cosa è certa: i biglietti sono stati distribuiti anche a persone legate alla criminalità. "Anzi, da una lettura più attenta, la attribuisco al pubblico ministero.". Pecoraro però non intende retrocedere sul deferimento del presidente bianconero, dovuto alla violazione dell'articolo 12 del Codice di giustizia sportiva secondo il quale è vietato il bagarinaggio. Nella prima, non presente nel deferimento, avvenuta tra Calvo e D'Angelo, quest'ultimo, visibilmente sotto pressione per l'interrogatorio a cui è stato sottoposto da parte degli inquirenti torinesi all'indomani degli arresti, cita la durezza del tono utilizzato dal magistrato che gli ha ricordato la famosa intercettazione in cui spiega a Calvo l'estrazione familiare di Dominello, ma soprattutto appare terrorizzato dal fatto che i pm siano a conoscenza di una escursione in barca a vela con l'arrestato ("te ne andavi in barca con Rocco nel 2012"). "C'è un articolo specifico che dice che è un illecito sportivo: la responsabilità è in primo luogo del presidente che era consapevole dei biglietti o comunque non ha vigilato sulla gestione". A noi interessa la condotta antisportiva e di slealtà, questo concetto è nel Codice sportivo: "un dirigente non può avere un certo tipo di comportamento", ha proseguito Pecoraro.

Non esiste alcuna intercettazione che collega il presidente della Juventus Andrea Agnelli a Rocco Dominello. "Ma a noi basta sapere che le mafie in Italia arrivino persino alla Juventus". "Al di la' delle intercettazioni, non e' quello per me determinante, io non faccio la procura ordinaria, mi occupo della gestione dei biglietti. Il Tribunale federale nazionale ha scelto questa data per far sì che non ci siano effetti sul campionato di Serie A e in modo tale che tutto possa avvenire con la massima serenità".

Juventus, Allegri studia il turn over. Sturaro nuovamente esterno
Così Massimiliano Allegri , allenatore della Juventus, sulla prestazione del 'Pipita' nel match del San Paolo . Dobbiamo giocare diversamente, abbiamo sbagliato molto tecnicamente , non sviluppavamo gioco.

E non finisce qui, perché Pecoraro ha anche respinto l'accusa di aver accostato il nome di Agnelli alla 'ndrangheta.

Comments