Il Tar del Lazio ferma il cantiere del Tap

Adjust Comment Print

Lo comunica la Regione Puglia.

Il presidente del Tar del Lazio haaccolto con decreto l'istanza della Regione Puglia perl'annullamento, previa sospensione, delle note del Ministerodell'Ambiente con le quali veniva dichiarata pienamenteottemperata la prescrizione A.44 riferita alla cosiddetta fase 0dei lavori, autorizzando TAP all'espianto degli ulivi nell'areadel cantiere di Melendugno.

L'efficacia dei provvedimenti è sospesa almeno sino alla data del 19 aprile, in attesa della discussione sull'istanza cautelare fissata per lo stesso giorno.

"Grazie alla determinazione e al gioco di squadra del M5S tra parlamentari e consiglieri regionali, è stato sospeso l'espianto degli ulivi al cantiere TAP." - dichiara il deputato - "E' vergognoso che Emiliano abbia perso 10 giorni, consentendo illegalmente l'espianto di oltre cento ulivi senza autorizzazione, sempre impegnato nella campagna elettorale per la sua personale scalata al partito, invece di assolvere ai suoi compiti". La notizia è stata diffusa dal sindaco di Melendugno, Marco Potì, dietro comunicazione della stessa Regione.

Читайте также: Morto Beppe Volta: travolto in autostrada mentre compilava un cid

"Quanto sopra - prosegue - a fini di ottimizzazione e adeguato scaglionamento temporale degli interventi di cui trattasi, in considerazione dei tempi tecnici necessari per le fasi procedurali ancora da svolgere, senza pregiudizievoli situazioni di stallo e fatta salva la ricerca delle soluzioni più opportune, per il soddisfacimento dei molteplici interessi pubblici coinvolti". Manifestazioni, scontri con la polizia, ma i lavori, e l'espianto degli ulivi, sono andati avanti.

Il presidente del Tar del Lazio, Gabriella De Michele, accordando con decreto la sospensiva sull'espianto degli ulivi finalizzato alla costruzione, a Melendugno, del microtunnel del gasdotto Tap, scrive che "le modalità di realizzazione (dell'opera, ndr) debbono ritenersi definitivamente approvate".

Il Tar ha quindi fissato per la trattazione collegiale "la camera di consiglio del 19 aprile". La recinzione questa mattina era senza la parte metallica divelta probabilmente dalle frange più estreme degli attivisti che si oppongono alla realizzazione dell'opera. Le operazioni di messa a dimora degli ulivi in grandi tinelle sono pertanto ferme.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2017 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Comments