Trump: Senato blocca conferma Gorsush

Adjust Comment Print

Nuova batosta al Senato per l'amministrazione Trump: con 55 voti favorevoli e 45 contrari, i democratici hanno bloccato la conferma del giudice Neil Gorsuch proposto dal presidente per la Corte Suprema. Questo non significa che la strada di Gorsuch sia sbarrata per sempre, anzi: dopo poche ore, in risposta al voto di questa mattina, i repubblicani annunciano un cambio delle regole relative alla maggioranza necessaria per confermare la nomina.

Tutto e' stato innescato dal voto procedurale per bloccare il dibattito in aula, e quindi l'ostruzionismo (filibustering) dei democratici, che non e' passato perche' anche quel voto aveva bisogno di 60 voti su 100 e invece 44 senatori democratici si sono oppposti, prolungando sulla carta 'sine die' la loro tattica. Lo scontro su Gorsuch può essere riconducibile a quando lo scorso anno, proprio la maggioranza repubblicana aveva impedito la conferma della nomina di Merrick Garland al posto del giudice Antonin Scalia, deceduto nel febbraio del 2016. Per evitare il sabotaggio, i repubblicani sono stati costretti ad invocare la cosiddetta "opzione nucleare". Al momento i giudici della Corte Suprema, la massima istanza giuridica del Paese, è bloccata da un impasse che vede 4 giudici nominati da presidente democratici e 4 nominati da presidenti Gop.

San Pietroburgo, bomba nella metro
Secondo la pubblicazione, è stato preparato da parte di un gruppo terroristico associato con gli islamisti radicali. Il Consiglio di sicurezza Onu parla di "vile terrorismo".

La modifica della soglia dei 60 voti non si applichera' solo a Gorsuch ma a tutte le future nomine presidenziali alla Corte Suprema.

Comments