Cittadinanza italiana senza requisiti? Indagini anche su Bruno Henrique

Adjust Comment Print

Il responsabile dell'Ufficio di Stato Civile di un Comune del Napoletano e il titolare di un'agenzia di pratiche amministrative di Terni sono stati messi agli arresti domiciliari.

In particolare, dalle indagini coordinate dalla Procura di Nola, i Carabinieri della Stazione di Somma Vesuviana (NA) hanno accertato che gli indagati (uno responsabile dell'Ufficio di Stato Civile di un Comune del napoletano, l'altro titolare di un'agenzia di disbrigo pratiche amministrative), avevano permesso a circa 300 cittadini brasiliani di ottenere la cittadinanza italiana dietro compenso di denaro.

Maxi blitz della compagnia dei carabinieri di Castello di Cisterna che hanno dato esecuzione a un'ordinanza di Custodia Cautelare nei confronti di due soggetti indagati a vario titolo per corruzione, falsità ideologica e materiale commessa da Pubblico Ufficiale in atti pubblici per favoreggiamento all'immigrazione clandestina. Bastava che si riuscisse a ricostruire un legame parentale remoto, anche non dimostrato, affinché potessero ottenere passaporti del nostro Paese.

Procuratore Pecoraro in audizione all'Antimafia "La Juventus omaggiava biglietti alla criminalità"
Una cosa è certa: i biglietti sono stati distribuiti anche a persone legate alla criminalità. "Anzi, da una lettura più attenta, la attribuisco al pubblico ministero.".

C'è anche il Palermo calcio fra le squadre coinvolte nel nuovo scandalo del calcio legato a false cittadinanza assegnate ai giocatori.

Serie A: Palermo, Monaco (Ligue 1 francese), Atletico Mineiro (Brasile), Sporting club Iinternacional (Brasile).

Un sistema in grado di aggirare i vincoli di tesseramento previsti dall'attuale normativa, di accedere grazie a un timbro comunale e a una pratica costruita a tavolino nell'eccellenza del calcio europeo.

Comments