Verso Juventus - Barcellona: Difesa impenetrabile contro un tridente da sogno

Adjust Comment Print

Juventus Barcellona (arbitro polacco Marciniak) si affrontano nel tutto esaurito dello Stadium di Torino nella gara di andata dei quarti di finale di Champions League edizione 2016-017.

Dall'altra parte, una squadra che è cambiata poco rispetto a Berlino 2015. Domani, infatti, le due squadre si ritroveranno di fronte a Torino dopo aver giocato la finale della stessa Coppa Campioni a Berlino, al termine della stagione 2014/15.

Chiunque non abbia la possibilità di guardare il match di fronte alla TV, Mediaset offre la possibilità di collegarsi al sito ufficiale di Mediaset Live e da qui scegliere Canale 5 per guardare la partita su qualsiasi dispositivo, che sia computer, smartphone o tablet, in maniera del tutto gratuita ovviamente. Inoltre, non ha concesso gol per ben 351 minuti, anche questo miglior record fino a ora; l'ultimo a riuscire a violare la porta di Buffon è stato Nico Pareja del Siviglia, a novembre.

Sono sette i precedenti tra le due compagini con il bilancio di due successi per la Juventus, due pareggi e tre affermazioni per il Barcellona.

Nella conferenza di vigilia Super Gigi non nasconde l'emozione: "Ci sarà emozione e penso tanto nervosismo, quello è uno stato d'animo che mi accompagna sempre in queste gare e spero di averlo anche domani, perché altrimenti vorrebbe dire che potrei smettere con le competizioni".

Facebook M suggerisce cosa fare su Messenger
L'assistente personale sarà quindi un compagno di conversazione nascosto ma sempre pronto ad intervenire per dare consigli utili.

Manca poco più di un giorno a Juventus-Barcellona, andata dei quarti di Champions. Comunque, hanno perso tre delle loro ultime quattro partite in trasferta, sempre nella fase a eliminazione diretta, incassando nove gol.

Quest'anno la disfatta di Parigi ha già messo in luce quanto l'impalcatura di Luis Enrique possa essere fragile, se messa sotto attacco convinto dagli avversari. Neymar ha confezionato otto assist quest'anno in Europa, più di qualsiasi altro giocatore.

Max Allegri nella notte post-Chievo ha detto: "Se saremo normali diverremo straordinari" segno inequivocabile della forza consapevole che al momento c'è nel gruppo-Juve. I guizzi di Dybala e Higuain, le prodezze di Buffon, la muraglia della BBC (Barzagli, Bonucci, Chiellini) non potrà disputare 180' perfetti. Il tecnico dei blaugrana si affiderà, probabilmente, al modulo 4-3-3 (anche se non è escluso il ricorso al 3-4-3). A centrocampo agiranno Rakitic, Iniesta e Mascherano (che da anni gioca nel ruolo di difensore centrale).

In difesa, invece, spazio a Dani Alves (il grande ex di questa sfida, avendo vestito 8 anni la maglia del Barcellona), Bonucci, Chiellini e Alex Sandro.

Comments