Pensione anticipata (Ape): si allungano i tempi

Adjust Comment Print

Una condizione nella quale si rilevano notevoli differenze di genere: mentre per gli uomini le pensioni fino ad € 750 sono il 49% del totale (45% a livello nazionale), per le donne tale percentuale sale all'83% (77% in Italia). La domanda è più che lecita e sicuramente in questi giorni attanaglia la maggior parte dei pensionati italiani.

I decreti attuativi per Ape sociale e Quota 41 dovrebbero ampliare i requisiti di accesso alla pensione anticipata per i lavoratori che svolgono attività pesanti.

In effetti, la Legge di Bilancio 2017 ha previsto tre tipologie di APE: sociale; volontaria; aziendale.

L'ipotesi di riforma stabilisce come potrà essere corrisposto un anticipo del novanta per cento della pensione maturata all'epoca della richiesta di pensionamento anticipato qualora manchi un anno all'età pensionabile, dell'ottantacinque per cento nell'ipotesi di due anni di APE e dell'ottanta per cento se è pari o superiore a tre anni.

Tra i lavoratori in difficoltà ai quali è destinata l'APe social ci sono anche i disoccupati a seguito di cessazione del rapporto di lavoro causa per licenziamento o dimissioni per giusta causa, senza trattamento di sostegno al reddito da almeno tre mesi.

Salute delle donne: una settimana di visite gratuite
Selezionando la regione, la città e la provincia sarà possibile conoscere i servizi messi a disposizione da ogni singolo ospedale.

Se i tempi di attuazione dell'Ape sono incerti come ha confermato anche Stefano Patriarca, consigliere economico dell'unità di coordinamento della politica economica della presidenza del Consiglio dei ministri, nel corso del convegno Tuttolavoro, svoltosi nella sede milanese del Sole 24 Ore - "si sta ancora lavorando alla piattaforma informatica che dovrà gestire il tutto" - emergono i primi dettagli della misura.

LEGGI ANCHE: APE volontaria: quanto costerà al lavoratore la pensione anticipata? Si tratta, in sostanza, dei cosiddetti lavoratori "precoci".

In un post precedente, la Armiliato aveva anche preso una ferma presa di posizione sulle polemiche relative alla chiusura del regime sperimentale opzione donna:"Ho sempre tentato di evitare le polemiche anche perché ogni giorno ce ne se sarebbe una differente da affrontare ed ho imparato da tempo che se non le si affrontano con la volontà di renderle costruttive (cosa assai rara) e quindi con le menti aperte non servono a nulla se non ad esacerbare gli animi".

Per fare richiesta sono necessari gli stessi requisiti dell'anticipo pensionistico chiamato Ape sociale e cioè: bisogna essersi ritrovati senza lavoro e non aver fatto richiesta di indennità di disoccupazione, oppure assistere un congiunto disabile o avere un'invalidità civile pari ad almeno il 74%.

Lo hanno presentato gli iscritti allo specifico comitato di lotta, da anni attivo sul territorio per tutelare i diritti di quei lavoratori che, in fabbrica, hanno respirato le polveri d'amianto, in molti casi per anni, ammalandosi e mettendo seriamente a rischio la propria salute.

Comments