E' morto Gianni Boncompagni: grande innovatore della tv

Adjust Comment Print

Nel 1991 passò a Mediaset, allora Finivest, ideando un programma di culto: Non è la rai, ancora una volta indirizzato a un pubblico giovanile, prevalentemente femminile, inizialmente condotto da Enrica Bonaccordi e Antonella Elia per poi passare alla conduzione di Ambra Angiolini e il mitico "auricolare" con Gianni Boncompagni a suggerirle in cuffia. Conduttore e autore radiofonico e televisivo, regista, è stato ideatore di diversi programmi che hanno segnato la storia della tv italiana.

Si è spento a Roma, all'età di 84 anni, Gianni Boncompagni. Nel 2002 il rilancio con il Chiambretti c'è di Piero Chiambretti, tra informazione e varietà, poi tra il 2007 e il 2008 dirige e conduce Bombay su La7.

"La nostra amicizia è nata quando avevamo all'incirca 25 anni".

- Sì, la sentiamo, ma perché chiama noi ad Alto Gradimento, visto che è un astronauta su un'astronave in orbita intorno alla Terra?

Video Gol Roma Atalanta 1-1: Giallorossi perdono il treno Scudetto
Ottimo primo tempo dell'Atalanta, meritatamente avanti all'Olimpico contro una brutta Roma, lenta e senza idee . All'81' dopo un calcio di punizione Fazio non trova la deviazione vincente a due passi dalla porta.

"Aveva una visione moderna della vita, un senso d'umorismo all'avanguardia". Un'amicizia non conclusa ora che eravamo più vicini agli Ottanta che ai Settanta, come diceva sempre lui con il suo straordinario spirito toscano. "Spero di essergli stato utile con il mio atteggiamento più riflessivo e romantico, ma altrettanto teso a rivoluzionare la radio e la tv" ricorda l'amico Renzo Arbore.

Boncompagni firmò anche delle hit musicali come "Ragazzo triste" portata in classifica da Patty Pravo, nonché tutte le hit di Raffaella Carrà, da "Tuca tuca" a "Tanti auguri". Con ironia e creatività ha rivoluzionato la radio con Renzo Arbore, con Alto gradimento che era una trasmissione modernissima.

Nato ad Arezzo nel 1932, al secolo Giandomenico, è stato autore, regista e produttore.

Comments