Pensioni, Ape: svolta Gentiloni. APE SOCIAL, RIFORMA PENSIONI NEWS

Adjust Comment Print

L'anticipo pensionistico a costo zero è stato ideato per alcune categorie di persone che rientrano in parametri ben precisi. Marco Leonardi aveva inoltre anticipato che nella Fase 2 della riforma delle pensioni sarà possibile riportare l'attenzione sulla proroga del regime Opzione Donna per consentire alle lavoratrici l'accesso anticipato alla pensione.

Il governo ha infatti allungato molto i tempi e le novità sull'Ape social sono arrivate con qualche mese di ritardo.

Il decreto attuativo dell'APe Social contiene una serie di novità rispetto al testo della Riforma Pensioni in Legge di Bilancio: in primo luogo, come del resto aveva segnalato l'INPS nelle schede informative predisposte nello scorso mese di gennaio, c'è l'ulteriore requisito dei tre anni e sette mesi dal raggiungimento dell'età per la pensione di vecchiaia.

L'approvazione delle linee guida dell'Ape social doveva arrivare entro il 1° marzo, ma la situazione è stata ben diversa, dal momento che la firma è arrivata solo dopo Pasqua.

A differenza dell'Ape sociale, l'Ape volontaria dovrà essere restituita.

Star Wars Battlefront II, rivelato trailer ufficiale e data d'uscita
Purtroppo, il commento degli sviluppatori resta molto vago , ma c'è chi già crede tutti i DLC futuri del titolo saranno gratuiti . Anche le navicelle spaziali potranno essere potenziate come i pesonaggi.

L'APE può essere volontaria, agevolata e aziendale e si rivolge ai lavoratori assicurati con la previdenza pubblica obbligatoria, quella gestita dall'Inps ad esclusione dell'Inpgi e delle casse professionali privatizzate.

Non entrerà quindi in in vigore dal 1° maggio 2017, come invece affermato in altre occasioni, dal momento che il tempo stringe e mancano ancora troppi passaggi. Proviamo a capire quali potrebbero essere nell'attesa della pubblicazione del decreto attuativo.

Ci vogliono 30 anni di contributi per: disoccupati in seguito a licenziamento o dimissioni per giusta causa che abbiano terminato da almeno 3 mesi di percepire il sussidio di disoccupazione; caregiver che assistono coniuge o parente di primo grado convivente con handicap grave da almeno sei mesi; lavoratori con riduzione della capacità lavorativa pari al almeno il 74%.

Questa seconda novità riguarda la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA appunto) che rappresenta il corrispettivo dell'Anticipo pensionistico inerente la previdenza integrativa e l'uscita dal lavoro al compimento dei 41 anni di contributi che prescindono dall'età anagrafica dei lavoratori precoci, ovvero di coloro che avranno almeno 12 mesi di lavoro effettivo prima del 19° anno di età.

Comments