Entella, Cassano apre ad un futuro in biancoceleste

Adjust Comment Print

Entella? È l'unica eccezione per cui accetterei la Serie B. "Mi ha fatto proposte importanti per il presente e il futuro e portare l'Entella in Serie A sarebbe l'unico miracolo che posso ancora compiere per chiudere il cerchio della mia carriera". In un'intervista al Secolo XIX FantAntonio rivela di non avere nessuna intenzione di lasciare il calcio e aggiunge: "Pensavo che il campo mi mancasse molto di più". In tv guardo il Barcellona, la mia grande passione, il mio idolo Federer e Valentino Rossi: spero che riesca a conquistare il mondiale. Certo, non si parlerebbe di restare vicino a casa, ma per la Serie A si potrebbe accettare il sacrificio rifiutato in passato. "Serie A? Poco, la Juventus in questo campionato fa un altro sport". L'importante è che sia in serie A, dal momento che posso ancora fare la differenza. So che sta soffrendo tantissimo per il Genoa, come suo papà Enrico.

Inevitabile poi arrivare a parlare della Sampdoria: "Per me la Samp ha rappresentato tutto fino al 29 ottobre 2010 (giorno della lite con Garrone, ndr)". Si sarebbe allenato al Pio, probabilmente, se il Genoa non fosse stato in quella situazione di classifica e di contestazione. Della nuova proprietà non si scaglia contro Ferrero che: "oggi ti dice una cosa, domani un'altra".

Paola Barale su Raz Degan: "Vi piace solo perché non lo conoscete"
Una volta tornata a casa Dayane ha chiuso i rapporti con Bettarini che, probabilmente, deve essersi scottato e non poco. Tema principale i rapporti conflittuali tra il vincitore, Raz Degan, e gli altri naufraghi.

L'ADDIO ALLA SAMPDORIA - "Per come mi hanno trattato è meglio che sia finita". Romei, che secondo me è il vero presidente della Samp, per me un pochino c'entra. E con i tifosi. I tifosi? Non ho mai cercato l'amicizia dei tifosi, perchè mi piace farmi apprezzare solo per quello che faccio sul campo. Anello di congiunzione tra squadra, allenatore e società. "Quanto agli altri, che si rivedano le partite di quei tre anni e mezzo" conclude Cassano. "In mezzo, tanto io ci finisco sempre in mezzo".

Comments