Ruote sgonfie per Fca. Analisti divisi dopo le vendite di aprile

Adjust Comment Print

La quota di mercato ad aprile si è attestata al 29,37% rispetto al 29,26% dello stesso periodo dello scorso anno. Nel mese di aprile 2017 il Gruppo ha accresciuto del 4,3% la sua quota di mercato, raggiungendo i valori più elevati dal 2009.

(Teleborsa) - Dopo una crescita del 12% nel primo trimestre, con aprile è arrivato il primo dato negativo per il mercato dell'auto. FCA ha ottenuto una quota del 29,2 per cento, in crescita di 0,1 punti percentuali rispetto a un anno fa, in un mercato fortemente condizionato da festività e "ponti". Nel cumulato da inizio anno, presentano risultati positivi Fiat (+9,1%), Alfa Romeo (+35,7%), Lancia/Chrysler (+2,8%) e Jeep (+6,6%), a cui si affiancano Maserati (+125%) e Lamborghini (+8,5%).

Continua la corsa di Fca sul mercato tedesco.

Emma Marrone, sul suo scherzo interviene il Telefono Rosa
Andreas impara con la Peparini la coreografia che dovrà ballare durante la performance di Amy Macdonald . Anche alcune testate internazionali si sono occupate della vicenda.

Sono sei, ad aprile, i marchi italiani nella top ten delle vendite, con Fiat Panda sempre in testa (11.873 unità), anche nella classifica dei primi quattro mesi, seguita da Lancia Ypsilon (5.849) e Fiat Tipo (5.225), che invertono le rispettive posizioni rispetto al mese precedente. "Non è una battuta d'arresto", ma "soltanto un effetto di calendario" dovuto a due giorni lavorativi in meno, alle feste di Pasqua e ai 'ponti´, la ripresa continuerà a maggio, afferma Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor.

Le nuove immatricolazioni ad aprile 2017 vedono un calo del 3,83%, con un forte segno meno per i privati, a meno 15,93% e soprattutto nelle flotte di proprietà in leasing, a meno 17,35%, con un minor calo per il Noleggio a Lungo Termine, a meno 1,99% secondo i dati elaborati da Dataforce su fonte del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e Aci. Il che porterebbe le immatricolazioni totali a circa 1.950.000 pezzi. I tre colossi di Detroit hanno tutti segnato vendite deboli con flessioni tra il 5,8% e il 7,1%.

Comments