Incendio Pontina, Campidoglio: segnalazioni di odori fastidiosi

Adjust Comment Print

Un assaggio di psicosi si è registrato già nella giornata di ieri con corse in farmacia a comprare le mascherine, tapparelle chiuse, uscite al parco giochi per i bambini cancellate dal programma del week-end: Roma Sud si è svegliata così in piena sindrome da day-after dopo il maxi-rogo esploso venerdì. "Finora al pronto soccorso dell'ospedale Sant'Anna di Pomezia non si registrano code o iperafflusso di pazienti che lamentano patologie correlate all'incendio", ha sottolineato in un comunicato la Asl Rm6, dimostrando come al momento non vi siano per fortuna gravi conseguenze dal punto di vista della salute dei cittadini di Pomezia e dintorni. In tanti hanno accusato difficoltà respiratorie, bruciore a gola ed occhi. Ancora quindi una chiusura "precauzionale" per il rogo, ancora non completamente spento all'interno del deposito di plastiche, nella zona diPomezia, alle porte di Roma, sulla via Pontina vecchia, al chilometro 33.

Ieri è stato disposto che 21 Comuni dell' area metropolitana di Roma tenessero chiuse le finestre e lavassero accuratamente frutta e verdura. Non ci sono stati intossicati, ma il rischio adesso è il problema ambientale, soprattutto, perché intorno a Pomezia sono tantissimi i campi coltivati.

Contestualmente è stato contattato il Centro Regionale Amianto della ASL VT per concordare l'analisi dei campioni ed eventuali ulteriori accertamenti da effettuare.

Primarie Pd, Calcaterra: "Grande affluenza a Fiumicino"
Matteo Renzi è segretario nazionale con tanta, tantissima responsabilità in carico e tanta speranza riversata in lui. La legge istituisce cento collegi elettorali plurinominali, con capilista bloccati.

"Abitante, sentito un boato poi esplosioni - "Ho sentito un boato incredibile, un'esplosione pazzesca, e poi tante altre in successione", ha raccontato Sabino D'Agnelli, che abita a poche centinaia di metri dalla Eco X, la fabbrica che è andata a fuoco". La procura di Velletri ha aperto un'indagine per incendio colposo ma per ora non si sa nulla sulle sue cause: solo quando il sito sarà messo completamente in sicurezza potranno essere effettuate le perizie necessarie. "Ora si dovrà valutare l'effetto del calore su questa particolare sostanza".

I cittadini da tempo avevano segnalato situazioni anomale nello stabilimento, con l'accumulo di materiali che provocavano anche miasmi e il comitato di quartiere aveva inviato una lettera al sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, invitandolo a intervenire.

Terzo giorno di operazioni per i Vigili del Fuoco del comando di Roma, supportati dalle squadre di Pomezia e Marino con tre autobotti, una chilolitrica, mezzi aeroportuali e di movimento terra.

Comments