Gaviria padrone della volata

Adjust Comment Print

Il colombiano della Quick-Step Floors, al secondo successo in questa edizione della corsa rosa, si è imposto in volata davanti all'italiano di origine polacche Jakub Mareczko (Wilier Triestina-Selle italia) e all'irlandese Sam Bennett (Bora-Hansgrohe).

Fernando Gaviria, 22 anni, alla seconda vittoria di tappa in questo Giro.

Anche la tappa di ieri che si concludeva in un circuito nel centro di Messina - con il pubblico in delirio per Nibali, messinese doc -è vissuta sullo sprint finale vinto da Fernando Gaviria con l'autorevolezza di un campione consumato.

Giro d'Italia, giornata di riposo: buon pomeriggio da Cefalù
Tutti appaiati all'arrivo i big della corsa. È il Giro d'Italia delle prime volte. Vincere una tappa al Giro, davanti alla mia famiglia mi ha reso veramente felice.

Il vincitore di tappa e Maglia Ciclamino, Gaviria, ha dichiarato: "Vorrei portare la Maglia Ciclamino a Milano ma ci sono ancora molte tappe e in questo momento è meglio concentrarsi volta per volta sulla tappa successiva". Quarto posto per l'altro favorito, il tedesco Greipel. Alle sue spalle l'azzurro Mareczko dopo una grande rimonta e Bennett.

Domani sesta frazione con partenza da Reggio Calabria e arrivo a Terme Luigiane dopo 217 km. Sprint di potenza per il velocista colombiano della QuickStep-Floors che commenta così nel post-tappa: "È stato uno sprint molto impegnativo, la squadra ha fatto un lavoro perfetto".

"Invariata la classifica generale, con il lussemburghese Bob Jungels (Quick-Step Floors) che mantiene la maglia rosa di leader con 6" e 10" di vantaggio sui britannici Geraint Thomas (Sky) ed Adam Yates (Orica-Scott).

Comments