Ddl lavoro autonomo, via libera definitivo del Senato

Adjust Comment Print

Group dopo il via libera definitivo da parte del Senato al Ddl sul lavoro autonomo.

Fra le principali novità del provvedimento i congedi parentali per i lavoratori iscritti alla gestione separata dell'INPS, la velocizzazione dei pagamenti, la detraibilità delle spese di formazione fino a 10 mila euro annui, l'estensione dell'indennità di disoccupazione ai collaboratori coordinati e continuativi, la disciplina del lavoro agile (smart working), da attuarsi senza orari o vincoli, per fasi, cicli e obiettivi, oppure mediante l'uso di strumenti tecnologici. Nel caso di accordo a tempo indeterminato, per fare marcia indietro rispetto alla modalita lavoro agile, è richiesto un preavviso non inferiore a 30 giorni, che sale a 90 giorni nel caso in cui il recesso da parte del datore di lavoro riguardi un rapporto di lavoro agile con un lavoratore disabile. Inoltre, saranno considerate 'clausole abusive' quelle in cui le parti concordino termini di pagamento superiori a 60 giorni dalla data del ricevimento, da parte del committente, della fattura o della richiesta di pagamento, e quelle che attribuiscono al committente la facoltà di modificare unilateralmente le condizioni del contratto o, nel caso di contratto avente ad oggetto una prestazione continuativa, di recedere senza congruo preavviso. L'indennità viene estesa anche agli assegnisti e ai dottorandi di ricerca con borsa di studio.

La parte sullo smart working non ha subito particolari modifiche nel corso del passaggio parlamentare.

Un'altra novità è l'allargamento del congedo parentale, della durata di sei mesi (e non più solo 3 come in precedenza), anche ai padri, fruibili fino al terzo anno di vita del bambino. Chi lavora per conto proprio sarà anche incentivato a investire sulla propria formazione, avendo un tetto di 10mila euro deducibili per le spese di iscrizione a master, corsi di formazione o aggiornamento, convegni e congressi, oltre alle relative spese di soggiorno e viaggio.

Camper in fiamme: morte tre sorelle, la più piccola ha 4 anni
Un cittadino si e' avvicinato e ha deposto tre rose con un biglietto: " Mi unisco al dolore della famiglia ". Non ci saremmo aspettati un altro episodio del genere, ma purtroppo si è riverificato.

Tra le norme approvate la deducibilità, nella misura del 100% delle spese e in misura integrale delle spese per gli oneri sostenuti, per la garanzia contro il mancato pagamento delle prestazioni di lavoro autonomo fornita da forme assicurative o di solidarietà, "allo scopo di favorire la stipula di tali polizze, e favorendo, allo stesso tempo, lo sviluppo del mercato assicurativo e la diffusione di tali forme assicurative, con un conseguente abbattimento dei costi per il lavoratore autonomo". Il voto di AP è favorevole ad un provvedimento che valorizza il lavoro autonomo attraverso interventi di carattere fiscale e sociale.

Secondo la legge, il datore di lavoro è sempre responsabile della sicurezza e del funzionamento degli strumenti tecnologici usati dai dipendenti, che possono contare su uno stipendio e un trattamento normativo stabiliti dal contratto collettivo: il compenso non potrà essere inferiore a quello percepito dai colleghi che operano in modo esclusivo all'interno dell'azienda. Sono riconosciuti il diritto all'apprendimento permanente e alla certificazione delle competenze, le garanzie in materia di sicurezza sul lavoro e la tutela contro gli infortuni.

PIU' WELFARE DA ENTI DI PREVIDENZA - Le Casse pensionistiche private potranno attivare ulteriori prestazioni sociali, "finanziate da apposita contribuzione", destinate soprattutto ad associati vittime di una "significativa riduzione del reddito per ragioni non dipendenti dalla propria volontà", o con "gravi patologie".

Comments