Lazio con le seconde linee a Firenze: Djordjevic al posto di Immobile

Adjust Comment Print

L'Artemio Franchi di Firenze farà da sfondo per lo scontro, valido per la 36/a giornata del campionato di Serie A, tra la Fiorentina di Sousa, con alle spalle il pareggio contro il Sassuolo, e la Lazio di Inzaghi, reduce da tre vittorie consecutive in campionato.

La classifica non cambia, così come l'euforia dei tifosi laziali che hanno sostenuto la squadra fino al 95′.

Brutte notizie per Simone Inzaghi al ritorno in campo.

Lotito ha azzeccato alcuni colpi in difesa (Wallace e Bastos), ha ritrovato lo sfortunato De Vrij (ora in orbita Inter) ed ha puntato anche sull'altro Lukaku, Jordan, prelevandolo dall'Ostende dopo Euro 2016. Strakosha vince il duello con Babacar, ma il numero 30 della Viola avrà tempo per recuperare: 22' minuto della ripresa, Vicino mette in mezzo un pallone liftato, Babacar si stacca dalla difesa, si avvita in volo, imprime potenza al pallone e lo spara all'angolino. Mentre i biancocelesti sono già certi di giocare una coppa la prossima stagione i viola (settimi a quota 56) sono in lotta coi rossoneri (59) per il sesto posto che vale i preliminari. Se i biancocelesti hanno la testa alla Juventus, la Fiorentina pensa alle plus valenze e alle contestazioni. In attacco Keita con Immobile.

"La Juve è forte ma nel calcio niente è impossibile". I biancocelesti stanno invece vivendo un periodo di forma straordinario culminato con tre vittorie di fila, tra cui il derby. "Mi fa piacere un paragone del genere, speriamo un giorno di ottenere i suoi risultati qui alla Lazio". Reti di Keita, Babacar, Kalinic, aut. La partita è piacevole: Borja per Babacar, para Strakosha.

Ue: modesta ripresa Italia pil +0,9%
L'inflazione e' vista in crescita, e arrivera' al 2,6% nel 2017 e nel 2018, al di sopra del target della BoE del 2%. La ripresa dell'Eurozona "si consolida sempre di più" e i rischi sono ulteriormente diminuiti.

Pochi minuti più tardi è solo il palo ad impedire ai capitolini di tornare in vantaggio: è Patric a colpire il legno con un pallonetto.

Nonostante gli ingressi di Immobile e Felipe Anderson la squadra ospite non riesce a pareggiare i conti.

I padroni di casa acquisiscono coraggio e fiducia e nel finale di gara riescono ad effettuare il sorpasso. Inserimenti che hanno dato fiato ai 'vecchietti' Radu (30) e Basta (32) e possibilità di crescere senza pressione a Hoedt, arrivato già nel 2015. Sugli infortunati: "Parolo è uscito dal campo in via precauzionale, con Lukaku non ci sono chance di poterlo recuperare, ma con Marco faremo degli esami e cercheremo di averlo per mercoledì".

Luis Alberto - Quindi quel gol in Genoa-Lazio non era un rondine che comunque non aveva fatto primavera. Nelle ultime tre gare gli "aquilotti" hanno realizzato ben sedici reti, con Keita in gran spolvero, autore di sei centri.

Comments