Francia, bruciante sconfitta di Marine Le Pen. Ora le legislative

Adjust Comment Print

"Li rispetto, ma farò il possibile nei prossimi cinque anni perché non ci sia più motivo di votare per gli estremi" ha detto Macron.

I dati definitivi ci parlano di un'astensione record, infatti ad andare alle urne è stato il 75% dei francesi la percentuale più bassa dal 1969 quando vinse Georges Pompidou. Il nuovo presidente, il più giovane della Quinta Repubblica, ha ottenuto 20.703.631 voti, mentre la leader del Front National 10.637.183. Per questa ragione anche, Macron ha deciso che i candidati di En Marche! alle legislative saranno scelti solo dopo le presidenziali, per lasciare spazio ad eventuali partner.

"In comitato dirigente" ha annunciato Richard Ferrand, segretario generale di En Marche!

"Stasera ha vinto la Francia". Macron ha stracciato la sua avversaria a Parigi, conquistando l'89.68% dei consensi e 849.251 voti.

Читайте также: Conte re d'Inghilterra, il Chelsea vince e diventa campione

Il presidente del Parlamento slovacco Andrej Danko (SNS) si è congratulato con Macron dicendo che "per noi rappresenta una nuova speranza per la necessaria unificazione dell'Unione Europea", ed è un esempio anche per la Slovacchia di come si possano "fermare le persone che continuano a guadagnare spazio in politica offrendo solo conflitti e soluzioni egoistiche". Il numero uno di Washington ha espresso "il desiderio di lavorare a stretto contatto con il presidente francese nell'affrontare le comuni sfide". Prima di loro bisogna risalire al 1995 per ritrovare la fotografia di due presidenti, Francois Mitterrand e Jacques Chirac, che celebrano insieme la vittoria degli Alleati sulla Germania nazista e la fine della Seconda guerra mondiale in Europa.

Per due settimane hanno animato su Twitter l'hashtag #SansMoiLe7Mai, che è stato fra i top trend dei "cinguettii" in Francia. Il presidente potrebbe non avere una maggioranza parlamentare.

Il primo viaggio ufficiale sarà invece a Berlino. "Compresi quelli di chi fa impresa, aggiungo io".

Considerando il primo punto, è evidente come Macron sia riuscito in una delle maggiori "imprese" dal punto di vista politico: spacciandosi per homo novus, è riuscito in un sol colpo a spostare il proprio asse partitico verso il centro, raccogliendo anche la simpatia dei delusi in contrasto con la linea del FN, e contemporaneamente riconfermare quanto di "cattivo" fatto nella scorsa legislatura.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2017 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Comments