Putin accoglie Gentiloni: "Con lei l'interscambio ha ripreso a crescere"

Adjust Comment Print

Sotto il profilo commerciale l'avvio del dialogo con la Russia crea anche le premesse per chiudere una guerra commerciale che ha provocato una perdita complessiva stimata ormai in oltre 10 miliardi per il made in Italy in termini di esportazioni. Temi importanti che guardano al G7 di Taormina: "Per me è un'opportunità, come presidente del G7 - ha detto Gentiloni - per uno scambio di opinioni in vista dell'importante vertice che si terrà in Sicilia tra dieci giorni". Ma lo stesso quotidiano riconosce che il presidente ha il potere e l'autorità legale per declassificare o rivelare qualsiasi cosa. Il presidente del Consiglio italiano e' entrato nei dettagli e ha tracciato i campi concreti, in cui esistono "aree di cooperazione" con Mosca: "Lotta al terrorismo e gestione di alcuni crisi regionali", come "Libia e Afghanistan". E il futuro della Libia: in tal senso, ha assicurato Gentiloni, con la Russia "continueremo a lavorare insieme". La Russia è un attore molto importante nello scenario internazionale, tenerne conto è un dovere.

Secondo il New York Times, che cita alcune fonti, si tratterebbe di informazioni fornite agli Usa da Israele, uno degli alleati più stretti e importanti degli Stati Uniti. Si sa quali sono le cose che uniscono e le cose che dividono, "ma sappiamo anche che abbiamo un interesse comune a mantenere la stabilità".

Bus contro palo a Villa Borghese: due feriti. Alla guida la Quintavalle
Il medico anche se aziendale ha sottoscritto il giuramento di ippocrate ed accertera le mie perfette condizioni di salute. Speriamo le videocamere di sorveglianza presenti a Villa Borghese possa aiutare la Polizia Locale a rintracciarla.

GLI ACCORDI BILATERALI - Eni e Rosneft, compagnia petrolifera russa, hanno firmato un nuovo accordo per l'estensione della collaborazione strategica nei settori dell'upstream, delle tecnologie, della petrolchimica e del marketing. A tenere banco è la questione investimenti con quelli italiani in Russia che, dice Putin, si attestano sul valore di 1 miliardo di dollari: "Il nostro interscambio vale 20 miliardi di dollari. Nei primi dell'anno è in crescita del 28%", ha sottolineato il presidente russo.

Per ottenere questo risultato, tuttavia, servirà una graduale rimozione delle sanzioni imposte dalla comunità internazionale alla Russia. "Tutti conosciamo l'origine delle sanzioni", ha ricordato Gentiloni, ricordando che "sono collegate alla crisi ucraina e che la risposta è collegata all'attuazione degli accordi di Minsk", e ribadendo che lo sforzo dell'Italia "in ambito europeo e Nato è sottolineare che non può esserci un automatismo nel rinnovo di queste sanzioni". "Ma questo riguarda gli Stati Uniti stessi". Il capo del Cremlino approfitta dell'incontro con il premier italiano, Paolo Gentiloni, per parlare di "schizofrenia politica".

Comments