Juventus, Agnelli all'Antimafia: "ecco la verità sui miei incontri con la 'ndrangheta"

Adjust Comment Print

Ripete quanto detto lunedì all'udienza preliminare al processo "Alto Piemonte" che si sta svolgendo a Torino: "Non ho mai incontrato Rocco Dominello da solo".

"Per la sicurezza nelle curve tutte le società devono essere d'accordo e la sola Serie A non basta". Va portato in consiglio Figc con tutte le Leghe, compresa la Lega Dilettanti. Agnelli si è detto poi pronto a seguire il modello della Premier League, per provare a combattere in modo più efficace i delinquenti da stadio: "Vogliamo un giudizio abbreviato subito, all'interno dell'impianto, sul modello inglese. Un'organizzazione di stampo criminale che vuole lucrare individua eventi in cui l'offerta è molto inferiore alla domanda - ha aggiunto il presidente della Juventus - Come la finale di Champions, per cui si trovano online biglietti a tremila euro, o anche le partite dello Stadium: per noi questo è da una parte un motivo di orgoglio, dall'altra un problema". Lo ha affermato il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, nel corso dell'audizione in commissione Antimafia. A suo tempo ho impartito le linee generali, vale a dire che Juventus emettesse abbonamenti o biglietti solo a pagamento, annullando omaggi, previa regolare presentazione dei documenti necessari per l'emissione dei tagliandi. "Francesco Calvo - ha aggiunto - seguendo le direttive societarie ha sempre operato con delega piena e nel rispetto delle procedure".

"I miei dipendenti D'Angelo, Merulla e l'allora dirigente Calvo hanno sempre ritenuto di rapportarsi solo ed esclusivamente con soggetti facenti parte del tifo organizzato".

Giro d'Italia, Quintana re sul Blockhaus, Nibali staccato
Lo Skyman nutriva ambizioni di successo a Milano e invece ha rimediato un distacco enorme, dopo essere finito sull'asfalto. Un corridore sbatte su una moto della Polizia Stradale accostata a sinistra e innesca una carambola.

"Siamo sicuri che la legge Pisanu, che permette la vendita ad una singola persona di 4 biglietti al massimo, risponda all'esigenza sociale del pubblico e che per spostarsi deve organizzarsi in gruppi?", è stata inoltre la domanda che il numero uno del club bianconero ha rivolto ai parlamentari.

"Ci siamo visti in 3-4 incontri". Così ha detto la presidente Rosy Bindi aprendo i lavori dell'Antimafia e dopo aver fatto ad Agnelli i suoi complimenti per la vittoria della Coppa Italia di ieri sera. "Certo se si procedesse ad una deroga o ad una modifica della normativa - ha spiegato Agnelli - essa dovrebbe comunque prevenire le truffe o l'accaparramento a fini speculativi dei tagliandi, ma è comunque una riflessione che va fatta". Prendo atto che ci sono state anomalie e verranno corrette. "Vogliamo capire che parte intende giocare nella federazione perché non si verifichi più quello che si è verificato nel circuito della società e anche in altre realtà", ha concluso Bindi.

Quando la presidente Rosy Bindi fa gli auguri ad Agnelli per la prossima finale di Champions, il 3 giugno a Cardiff contro il Real Madrid, Agnelli prima si tocca il naso, quindi sembra indulgere ad un gesto apotropaico. "E questo e' anche il caso dello Juventus stadium".

Comments