Il Papa a sorpresa annuncia cinque nuovi cardinali

Adjust Comment Print

Cinque nuovi cardinali che saranno nominati in un concistoro apposito il prossimo 28 giugno: è la "sorpresa" che Papa Francesco ha annunciato durante il Regina Coueli domenicale ai fedeli radunati some sempre in piazza San Pietro. "La loro provenienza da diverse parti del mondo - ha spiegato - manifesta la cattolicità della Chiesa diffusa in tutta la terra e l'assegnazione di un titolo o una diaconia di una parrocchia di Roma testimonia l'appartenenza dei cardinali alla diocesi di Roma, che presiede alla carità di tutte le Chiese".

"Il 29 solennita' dei santi apostoli Pietro e Paolo concelebrero' la Santa Messa con i nuovi cardinali -, ha aggiunto".

Destiny 2 non arriverà su Pc in contemporanea con le console
La storia vede la caduta dell'ultima città sicura della Terra dopo l'invasione di un nuovo temibile nemico, la Legione Rossa . Questo permetterà un'apertura ai giochi di altri sviluppatori, e Destiny 2 sarà il primo a godere di questi benefici.

Una costante ormai, questa, delle nomine di Papa Bergoglio che ha riconfigurato il Collegio cardinalizio secondo un criterio di "universalità", superando la tradizione non scritta delle sedi cardinalizie (anche questa volta non figura nessun italiano e nessun nome di Curia nell'elenco) e lasciando spazio invece a pastori provenienti da isole del Pacifico, territori di guerra, zone sperdute di continenti poveri. Jean Zerbo, arcivescovo di Bamako, in Mali.

Mons. Juan José Omella, 71 anni, dal 2015 Arcivescovo di Barcellona, dopo esser stato ausiliare a Saragozza (1996) e aver guidato le diocesi di Barbastro-Monzón (1999), Hesca e Jaca (come anmministratore apostolico) e di Calahorra e La Calzada-Logrorio (2004). È stato coinvolto nella lotta contro l'esclusione e ha soprattutto promosso la riconciliazione e la solidarietà tra i maliani. Louis-Marie Ling Mangkhanekhoun, vicario apostolico di Pakse, nel Laos e mons. Gregorio Rosa Chavez, vescovo ausiliare di San Salvador e presidente della Caritas per l'America Latina.

Comments