Esodo Rai, via Agrusti: oggi potrebbe toccare a Campo dell'Orto

Adjust Comment Print

Dato in rotta sia con Matteo Renzi (che pure lo aveva fortemente voluto in Rai) che con il presidente Maggioni. Anche la presidente della Rai, Monica Maggioni, si è detta contraria al piano del Dg. I consiglieri Freccero e Fortis si sono astenuti.

Campo Dall'Orto - secondo quanto si apprende da fonti a lui vicine - ha dovuto insistere per andare al voto sul piano news in consiglio di amministrazione di fronte all'orientamento prevalente dei consiglieri di rinviare nuovamente la votazione.

Roma, 22 mag. (askanews) - Il cda della Rai, in una riunione fiume durata oltre sette ore, ha bocciato il piano dell'informazione presentato dal Direttore generale Antonio Campo Dall'Orto.

Quotazioni Fincantieri: Rialzo dopo Firma con STX France
Bilancio che, dopo anni in rosso, si è chiuso con il ritorno all'utile per il colosso navalmeccanico. Il gruppo italiano ha firmato l'accordo per l'acquisizione del 66,66% del capitale di Stx France .

La decisione è avvenuta dopo aver trattato il caso Anac e in seguito ad una relazione del collegio sindacale su questo tema. Il Cda è ancora in corso ma Paolo Messa, consigliere di area cattolico-moderata, ha abbandonato i lavori del Consiglio perché sarebbero "venute meno le condizioni per il rapporto di fiducia con il direttore generale Antonio Campo Dall'Orto". Il Consiglio di amministrazione ha infatti bocciato il suo piano dell'informazione ed è una bocciatura che ha un significato molto preciso.

Il Cda, sempre a quanto apprende l'AdnKronos, ha approvato i piani di produzione fino a settembre. Il via libera è avvenuto con voto unanime, a dimostrazione della volontà di evitare la paralisi aziendale. È la terza volta in un mese che il Cda "sfiducia" Campo Dall'Orto e ormai la crisi appare insanabile. "Non giova alla Rai un conflitto permanente e una situazione di sostanziale paralisi" ha attaccato Messa chiedendo al Dg di trarne le conseguenze. Ora la discussione prosegue su una bozza per risolvere il tema del tetto ai compensi degli artisti, passaggio fondamentale per l'approvazione dei palinsesti nelle prossime riunioni. "Purtroppo - ha continuato Messa - le mie critiche e le mie proposte non hanno trovato riscontri". Allora le ragioni sarebbero da ricercare, secondo Dall'Orto, in quella politica di cui la Rai resta ostaggio. A questo punto è necessario un incontro urgente con l'azionista per rappresentare la situazione drammatica di una azienda senza guida.

Comments