Ue promuove Manovra e incalza: "Reintrodurre l'Imu per redditi alti"

Adjust Comment Print

Non è una buona idea, fa sapere il ministro dell'Economia Padoan. È questo l'invito della Commissione Europea nelle raccomandazioni adottate oggi per i paesi membri, rilasciando però una pagella tutto sommato positivo sui conti del Belpaese e il benestare alla manovra. Padoan ha poi proseguito affermando che eventuali elezioni anticipate sono "uno scenario che per ora non mi riguarda: noi cominciamo a lavorare sulla legge di bilancio (per il 2018) già da adesso perché è un problema complesso" ha detto il ministro parlando con la stampa al suo arrivo alla riunione dell'Eurogruppo.

Omicidio-suicidio all'Arcella accoltella la madre e si butta dalle scale
Una vita difficile, piena di sbandate, quella di Veaceslav, con le prime denunce già minorenne, nel 2011. Terribile episodio di omicidio suicidio nel primo pomeriggio di mercoledì nel centro di Padova .

Secondo l'esecutivo comunitario, l'Italia ha un programma di riforme "sufficientemente ambizioso" ed "appropriato" alle sfide da superare. Il commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici ha comunicato la notizia con un tweet in italiano. Promosso anche il Programma delle Riforme e nessuna contestazione sugli investimenti non fatti nel 2016: la Commissione ha accolto le motivazioni dell'Italia e la flessibilità ottenuta non sarà più in discussione. Nel 2018, però, l'Italia dovrà fare "un notevole sforzo di bilancio" per "adottare una politica di bilancio in linea con i requisiti del braccio preventivo del Patto di stabilità e crescita". Il Presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, afferma lapidario: l "a Commissione europea - in occasione della diffusione delle sue 'raccomandazioni' all'Italia - è tornata a criticare la scelta del Governo Renzi di eliminare la tassa sulla prima casa, suggerendo di reintrodurla per le famiglie con redditi elevati". Sono anche previste norme sulla contrattazione salariale a livello aziendale e privatizzazioni. Bruxelles ricorda inoltre come nel 2015 sia stata abolita l'Imu sulla prima casa, "un passo indietro nel processo di realizzazione di una struttura fiscale più efficiente". Si tratta del cosiddetto "pacchetto di primavera" che conterrà le raccomandazioni e i giudizi su bilanci e la situazione macro economica di ogni singolo paese membro dell'Unione Europea. Reintrodurre la tassa sulla prima casa "è una delle tante proposte, le riforme fiscali vanno viste nel loro insieme", ma "cambiare idea su una tassa che è stata appena cambiata da pochi mesi non e' una buona idea". Deve anche "aumentare la lotta contro la corruzione, in particolare modificando lo statuto delle prescrizioni", e "completare le riforme del pubblico impiego e migliorare l'efficienza delle imprese pubbliche". Nella sua raccomandazione Bruxelles elenca i numerosi fattori di debolezza dell'Italia, tra cui una pubblica amministrazione inefficiente, l'eccessiva pressione fiscale sui fattori produttivi, un settore bancario gravato dagli npl, l'alto tasso di disoccupazione giovanile.

Comments