Il Benevento s'impone allo Spezia, vola alle semifinali dei play-off

Adjust Comment Print

In mezzo al campo agiranno Sciaudone, Djokovic e Migliore, con Fabbrini alle spalle di Granoche e Giannetti.

La squadra campana, neopromossa e al suo primo campionato il serie B, affronterà in semifinale il Perugia, mentre al Frosinone tocca il Carpi, qualificatosi ieri vincendo a Cittadella. In caso di ulteriore parità, viene considerata appunto vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine del campionato, in questo caso il Perugia. Doveroso minuto di silenzio per la scomparsa del designatore Farina, forse altrettanto doveroso dedicarlo alle vittime di Manchester, ma tant'è. Negli ospiti, invece, Di Carlo affida l'attacco al tandem Granoche-Giannetti. Lo Spezia non molla e accorcia le distanze al 69' grazie ad una conclusione del neoentrato Nenè sulla quale Cragno è tutt'altro che impeccabile.

7° - Fallo inutile di Chibsah che trattiene Fabbrini, l'arbitro con severità lo ammonisce.

18′ CALCIO DI RIGORE per il Benevento!

Sul dischetto Ceravolo, sette rigori su sette realizzati quest'anno.Chichi paraaaaa! Nel turno preliminare il Benevento supera 2-1 gli aquilotti e stacca il pass per la semifinale. Ancora Lopez sull'estrema sinistra, con De Col lontano mille miglia, cross al bacio e bravo, bravissimo, Ceravolo a salire in cielo per staccare di testa.

Benevento (4-2-3-1): Cragno; Venuti, Camporese, Lucioni, Lopez; Chibsah, Viola; Ciciretti, Falco, Eramo; Ceravolo. All.

Palermo, Nestorovski: "Chiediamo scusa, abbiamo sbagliato tutto"
Messaggio chiaro ai tifosi e sul futuro: "Chiedo scusa ai tifosi per questo campionato, abbiamo sbagliato tutto ". Poche parole, quanto basta per ribadire una ferma volontà di proseguire la propria avventura in Sicilia.

70′ GOL! Lo Spezia dimezza lo svantaggio! Il servizio non ha nessun costo aggiuntivo per chi ha l'abbonamento con il pacchetto "calcio" all'interno.

Lo Spezia prova l'assedio ma la pressione frutta solo un paio di corner senza esito.

Nella ripresa Di Carlo sostituisce un disastroso Djokovic con un frizzante Mastinu, abbandonando la difesa a quattro in favore di quella a tre. Folto il centrocampo con De Col e Djokovic esterni mentre i tempi della manovra potrebbero essere dettati da Maggiore con Vignali pronto a sostenerlo. Perfetto stacco di testa che vale l'1-0.

Note: Ammoniti: Chibsah (B); Vignali (S). Spezia che chiude il primo tempo sotto di due gol, senza mai concludere verso lo specchio. Palla velenosa del brasiliano. Nené fa tutto il campo e lascia partire un tiro alla disperata dai trenta metri rasoterra, ma Cragno non si mostra all'altezza delle sue capacità e non lo para: 2-1.

Il Benevento è partito all'inizio con un po' di nervosismo e lo Spezia ne ha approfittato, creando qualche pericolo in area non concretizzatosi però in tiri nello specchio. Non contenti, i beneventani trovano il raddoppio tre minuti più tardi con la bordata di Puscas dalla lunga distanza, affossando di fatto uno spaesato ed incredulo Spezia. Di Carlo lo fa notare al quarto uomo, ma non serve a nulla, serve un gol per raddrizzarla. Ma comunque, nonostante il 2-0, lo Spezia meritava di fare il 2-2 e nei supplementari potevamo vincerla, fisicamente stavamo meglio noi.

76′ Primo cambio per il Benevento: fuori Falco, dentro Ciciretti. Ma al 34' è ancora il Benevento pericoloso con Ceravolo che non riesce ad agganciare per un soffio. Anzi è il Benevento nei minuti di recupero a sfiorare di rimessa il 3 a 1.

Comments