Legge elettorale, Berlusconi: "Senza sbarramento, sicura ingovernabilità"

Adjust Comment Print

Salvo incidenti dell'ultima ora, la nuova legge elettorale ha buone probabilità di arrivare al traguardo dell'approvazione parlamentare e di far finire prima del previsto sia l'opera del governo Gentiloni che quella della legislatura, la cui conclusione dovrebbe arrivare dopo le elezioni tedesche di settembre ma prima della fine naturale di febbraio.

"Forza Italia ribadisce l'esigenza di applicare il sistema tedesco, compatibilmente con il dettato della nostra Costituzione". E' quanto si legge nella nota diffusa al termine della colazione di lavoro, dedicata a un focus sulla riforma elettorale, tra Silvio Berlusconi, Renato Brunetta e Paolo Romani. "Questo significa sbarramento al 5%, liste proporzionali di lunghezza adeguata, metodo proporzionale di attribuzione dei seggi, su base nazionale, analogo a quello utilizzato in Germania, escludendo qualsiasi ipotesi di voto di preferenza".

Agenpress - Alcuni giornali "hanno sostenuto che Berlusconi è in disaccordo con la soglia di sbarramento del 5%: è esattamente il contrario, fosse per me la porterei all'8%".

Assassin's Creed Origins: svelati nome e aspetto del protagonista
Per il resto, nei nostri titoli siamo stati sempre costretti a riportare il condizionale o la parola "rumor". Se la t-shirt fosse autentica, non servirebbe la conferma di Ubisoft sul dilemma della location egiziana.

Più soddisfatto si dice l'altro protagonista dell'accordo, Silvio Berlusconi: "Si potrà finalmente restituire la parola agli italiani, consentendo agli elettori, dopo quattro governi non scelti dai cittadini, di decidere da chi vogliono essere governati".

"Mi sembra che si stia andando verso una legge elettorale condivisa come io ho sempre auspicato e si va verso un sistema proporzionale che è un sistema di giustizia". In realtà è probabile pure che parlando di 5 o di 8% il Cavaliere intenda assicurarsi l'eliminazione dalla corsa di Angelino Alfano e del suo partito, almeno così come è oggi.

Comments