Moto: Dovizoso 1/o al Mugello, Rossi 4/o

Adjust Comment Print

Più lontano Valentino Rossi, settimo a 539 millesimi, che ha provato due differenti assetti della Yamaha.

Già nella mattinata Rossi aveva dimostrato di essere pronto, siglando il miglior tempo delle FP3, e in qualifica solo un mostruoso Maverick Viñales ha saputo tenerlo dietro per 2 decimi di secondo. Insieme a lui l'italiano Petrucci, che con la sua Ducati non ufficiale dimostra di avere un buonissimo feeling con l'asfalto del Mugello.

La precedente vittoria di Dovizioso risale al Gp della Malesia dello scorso anno.

Moto: warm up, miglior tempo Vinales
Non ho rischiato, volevo mantenere la seconda posizione che per noi era positiva. "Domenica scorsa ero a letto dolorante e stavo guardando l'addio al calcio di Francesco Totti - ha raccontato Vale - e i miei amici mi hanno detto: vedrai che domenica gli farai il cucchiaio".

Terzo tempo per Marc Marquez, seguito da Alvaro Bautista e Michele Pirro. In modo inatteso, Pedrosa sembra essere tornato protagonista in questa stagione di MotoGP, il pilota Honda è secondo a 17 punti da Vinales, e davanti a Rossi di 6 punti, a 10 punti il suo compagno di Repsol, Marquez. Il Gp del Mugello regala il solito spettacolo grazie ad un susseguirsi incessante di sorpassi e contro sorpassi che esaltano il numeroso pubblico presente sulle tribune del circuito toscano. "Domenica scorsa ero a letto dolorante e stavo guardando l'addio al calcio di Francesco Totti - ha raccontato Vale - e i miei amici mi hanno detto: vedrai che domenica gli farai il cucchiaio. Poi se si può fare di più noi ci proveremo!".

MORBIDELLI - "Questa è una pista dove non sono mai stato veloce, ma dovrò riuscire ad esserlo", afferma il pilota Estrella, che ha vinto quattro delle prime cinque gare. Ma occhio perché a guastare la festa italiana ci sono tanti altri agguerriti piloti. Con Viñales non è che stessi controllando, poi ho visto Petrucci e ho pensato che era una "bega" (un problema; n.d.r.) e dovevo tenere. Sono però molto contento riguardo la nostra partenza. Il portacolori della Casa di Noale non è l'unica novità, perché col sesto crono c'è anche Tito Rabat alle spalle di Maverick Vinales, il quale si è lamentato dello scarso grip al posteriore. "La caduta mi ha frenato per domani, tuttavia siamo pronti per la gara".

Comments