Annarella, morta la pasionaria incubo dei politici. Il suo bersaglio preferito? Berlusconi

Adjust Comment Print

La donna, che viveva una vita di stenti con 213 euro di pensione al mese, da un po' aveva problemi di salute, tant'è che la sua ultima apparizione - seppur radiofonica - risale a tre mesi fa, nel programma "La Zanzara" di Giuseppe Cruciani e David Parenzo.

Qualcuno la chiamava in maniera ironica "onorevole". Con Annarella se ne va un'interprete della Roma popolare, che non ha paura di dire le cose come stanno, di sbeffeggiare potenti di ogni colore.

"Se deve levà dalla faccia della Tera, 'sto zozzone". Annarella era sempre in prima fila, a mandare a quel paese il politico di turno, senza remore.

Le sue colorite analisi politiche tra Montecitorio e palazzo Madama sono passate alla storia e hanno riempito in più di un'occasione i tempi morti delle cronache parlamentari.

Milan, che colpo di calciomercato: Diego Costa nelle ultime notizie
Una decisione presa, come spiegato dalla stessa punta, dopo che il tecnico del Chelsea Antonio Conte gli ha dato il "benservito". Contro il Leicester, a gennaio, Conte ha addirittura escluso dalla formazione Diego Costa .

Era l'incarnazione della schiettezza tipica dei romani, una romana doc. Berlusconi era il suo bersaglio preferito, mentre difendeva sempre Bersani.

Moltissimi politici la ricordano sui social.

Un saluto su Twitter anche dalla deputata M5S Roberta Lombardi: "L'unica vera Onorevole del Parlamento. Ciao Annaré, Roma ti piange" o lo stesso Bersani, suo idolo che la omaggia con "Ciao Annaré, ti voglio bene".

Comments