Parigi, attentato sugli Champs-Elysees: auto contro la polizia

Adjust Comment Print

Il quartiere degli Champs-Elysees e' ancora isolato, dopo l'azione "deliberata" di un uomo che si e' diretto - verso le 15:40 - con la sua auto contro un furgone della gendarmeria. Non sono stati registrati feriti sul luogo dell'accaduto. Un automobile si è schiantata volontariamente contro un furgone della polizia facendo scoppiare un incendio in cui, per fortuna, non c'è stato alcun ferito. L'uomo che si è scagliato contro i gendarmi è stato estratto dalla propria auto mentre il veicolo è esploso nell'impatto e secondo un giornalista di France Info sarebbe poi morto (foto Ansa). L'informazione è della tv BFM, presente sul posto. Su Twitter la Prefettura di Parigi ha chiesto ad abitanti e turisti di evitare la zona.

Quello che rende questo ennesimo attacco alla capitale francese particolarmente grave, è che il tutto si sarebbe svolto con grande velocità, a pochissime centinaia di metri dall'Eliseo, e dunque vicino ad uno dei centri di potere politico più importante della Repubblica francese.

Esselunga: "Non vendiamo". Dagli eredi di Caprotti lo stop ai cinesi
L'azienda, fondata da Bernardo Caprotti , era entrata nel mirino dei cinesi di Yda Investment Group . Lo ha scritto ieri Repubblica , precisando che l'offerta non sarebbe stata sollecitata.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano.

L'attentatore è nato nel 1985 ad Argenteuil in Val-d'Oise ed era schedato con la lettera "S" (sospetti radicalizzati). Lo riferisce il quotidiano Le Parisien. "Nell'auto c'erano un certo numero di armi ed esplosivi che avrebbero dovuto consentire di far esplodere il veicolo".

Comments