Bancarotta per Boris Becker che non paga 6 milioni di euro

Adjust Comment Print

Boris Becker è stato ufficialmente dichiarato in bancarotta dal tribunale di Londra per non aver pagato "un sostanziale debito di vecchia data" che aveva con la banca londinese Arbuthnot Latham. "Dichiaro il fallimento con dispiacere - ha detto la giudice Christine Derret - ma non ci sono prove sufficienti che assicurino la possibilità di pagare il debito a breve".

Gli avvocati però sostenevano che Boris Becker, avrebbe potuto saldare il debito mediante l'ipoteca di una sua proprietà a Maiorca, che gli avrebbe fruttato sei milioni di euro. "In questo senso ho l'impressione che siamo davanti a un uomo che mette la testa sotto la sabbia per non vedere i problemi".

Evidentemente investimenti sbagliati e una gestione scellerata del patriomonio hanno portato Becker alla bancarotta.

Le Storie di Instagram surclassano Snapchat: 250 milioni utenti attivi al giorno
Anche la funzionalità Direct , che permette di scambiarsi messaggi diretti, è sempre più sfruttata dagli utenti di Instagram . Se ci pensate un anno fa, quando ci siamo seduti insieme, non esistevano Storie su Instagram .

Becker, che negli ultimi anni ha lavorato come commentatore tv e, fino a dicembre, come coach di Novak Djokovic, ha lasciato il tennis giocato nel 1999. "E' sconcertante che non sia stata accolta la mia richiesta di rinviare di 28 giorni l'udienza".

Su Twitter l'ex campione tedesco si è difeso confermando la tesi già sostenuta dal suo legale, aggiungendo che non si arrenderà e fará ricorso perché "tra un mese sarò in grado di pagare il debito, che è molto più grande del valore del bene in questione".

Comments