Cosenza e Roma in lutto: è morto Stefano Rodotà

Adjust Comment Print

Era nato a Cosenza il 30 maggio del 1933. Rodotà ha rappresentato per intere generazioni di giuristi un punto di riferimento assoluto in materia di tutela della riservatezza dei dati personali, essendo stato peraltro il primo Garante della privacy, impegnato nel difficile bilanciamento di diritti e interessi spesso confliggenti. In quella circostanza fu votato dal Movimento 5 Stelle, Sinistra Ecologia Libertà e alcuni parlamentari del Pd. La politica tutta lo omaggia. Nel 1983 viene rieletto e diventa presidente del gruppo parlamentare della Sinistra Indipendente. Lascia la moglie Carla e due figli. Divenne membro della Commissione Affari Costituzionali. Nominato dal Partito Comunista Italiano Ministro della Giustizia nel governo ombra voluto da Occhetto nel 1989 (anno in cui viene eletto al Parlamento Europeo), sceglie in seguito di aderire al Pds, il Partito Democratico della Sinistra, di cui è il primo presidente. "Una vita di battaglie per la libertà".

Il presidente del Senato Pietro Grasso: "Ha dato moltissimo al nostro Paese". Nel 1994 decise di non ricandidarsi. Ne ricordo l'intelligenza vivace e la straordinaria capacità di affrontare, con linguaggio semplice, temi profondamente complessi.

Europei Under 21: la Spagna batte il Portogallo e vola in semifinale
Nel finale, però, arriva il pareggio di Djurdjevic , bravo ad insaccare di testa dopo un calcio di punizione assegnato al 90'. Ci pensa Edgar Ie, sulla linea, ad annullare il possibile quarto gol in questo Europeo del gioiellino del Real Madrid .

"Con Rodotà perdiamo uno straordinario giurista, che si è battuto per il diritto di avere diritti anche nell'età digitale", ha affermato la presidente della Camera, Laura Boldrini. "Non c'è un giorno nel quale non abbia preso un libro in mano", dirà. Per questo avevo voluto che fosse lui - studioso del web di prestigio mondiale - a coordinare il lavoro della Commissione per i diritti e i doveri in Internet istituita in questa legislatura a Montecitorio. "Sarà molto difficile fare a meno della sua cultura e della sua passione civile".

Comments