Cuneo, adescava minori online: dirigente sportivo agli arresti domiciliari

Adjust Comment Print

La Polizia di Stato ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare e ha messo agli arresti domiciliari un 24enne residente nel cuneese.

Esplode un nuovo caso di pedofilia nel calcio giovanile: un uomo di 24 anni della provincia di Cuneo utilizzava falsi profili femminili ed entrava in contatto con le sue vittime, quasi sempre minorenni. A mettere le manette al giovane sono stati gli agenti della Polizia postale di Torino. Quattro le identità femminili utilizzate per avere i selfie erotici delle giovani vittime e poi ricattarle per chiederne di nuovi.

PES 2018: Konami si pronuncia su una versione Switch
"Molti videogiocatori ci chiedono una versione Nintendo Switch di Pro Evolution Soccer 2018 ". Dunque come azienda si tratta di una piattaforma a cui siamo certamente interessati.

La polizia postale di Torino ha messo l'uomo agli arresti domiciliari, non dopo avergli sequestrato un ingente quantitativo di materiale pedopornografico. Di qui l'inchiesta si è allargata a decine e decine di casi.

L'operazione della PolPosta di Torino ha consegnato alla giustizia un direttore sportivo di una squadra di calcio giovanile. Tra l'adescatore e i giovani non sarebbe intervenuto alcun rapporto fisico stando ai primi accertamenti. L´attività degli investigatori si è pertanto concentrata sulla identificazione delle numerose vittime, più di un centinaio, tutte di sesso maschile, contattate e sentite nelle forme dell´audizione protetta affinché spiegassero quanto accaduto online, a conferma dell´iter criminoso di tipo seriale. In altre situazioni il criminale proponeva invece un fantomatico "mènage à trois", salvo poi tirarsi apparentemente indietro in modo da proporre alle vittime di incontrare solo il suo fidanzato, cioè egli stesso.

Comments