Revoca Obamacare, repubblicani divisi E Trump cerca consensi tra i democratici

Adjust Comment Print

Gli spiegava quanto fosse importante "cancellare e rimpiazzare" l'Obamacare.

Il marchio "Made in America", tuttavia, è necessario per presentare la propria produzione alla settimana indetta dalla Casa Bianca e molte aziende non hanno potuto partecipare all'evento poiché non è stata loro riconosciuta questa appartenenza. "Dobbiamo far passare una legge o facciamo una figura tremenda". Gli ultimi due voti sfavorevoli sono quelli di Mike Lee dello Utah e Jerry Moran del Kansas e si aggiungono a quelli di domenica, dei senatori Susan Collins del Maine e Rand Paul del Kentucky.

Il provvedimento è stato quindi sospeso, almeno per il momento.

Perseguitato dalle polemiche sul Russiagate, con indici di popolarità in picchiata rispetto alla primavera (lo sostiene il 36 per cento degli americani, contro il 42 per cento di aprile), Trump conosce ora la prima vera débacle legislativa della sua presidenza. "Purtroppo ora è evidente che lo sforzo di abrogare e sostituire subito l'Obamacare non avrà successo", ha dichiarato McConnell in una dichiarazione rilasciata lunedì.

La notizia delle due nuove defezioni non è andata giù al presidente Trump. La cosa che brucia di più è forse proprio il tradimento dei repubblicani.

Svolta clamorosa: Keita lascia il ritiro della Lazio e va a Milano
Ore roventi sul fronte Keita Balde . "Oggi è atteso a Milano Claudio Lotito: ufficialmente per l'assemblea di Lega di B". Ed è proprio questo uno dei fattori che ha portato a superare il lungo corteggiamento della Juve e del Milan .

Non ci sono i numeri, dunque.

Revocare l'Obamacare per poi "ricominciare da zero".

Intanto, secondo un sondaggio pubblicato dal Washington Post, la metà degli americani continua a preferire l'Obamacare al progetto repubblicano, che riscuote solo il 24% delle preferenze delle persone interpellate. Quattro senatori che hanno annunciato che non voteranno la legge voluta da Trump. Quella passata dalla Camera gli andava bene; quella emendata dal Senato gli andava altrettanto bene. Appare chiaro, con un simile approccio, che il tentativo sia quello di cercare l'appoggio e il consenso da parte dei gruppi più estremi, e riuscire così a ottenere la difficile e risicata maggioranza utile per poter portare il disegno di legge in aula per la discussione. Già due senatrici repubblicane hanno detto di essere contrarie.

E l'ha capito anche Trump, che ci ha messo la faccia su questa legge.

Comments