Votazione ddl Lorenzin sui vaccini: video diretta dal Senato

Adjust Comment Print

Il passaggio alla Camera, già forse a partire da lunedì 24 luglio, si preannuncia rapido: il decreto va infatti convertito in legge entro il 6 agosto.

Ci sono ancora due settimane di tempo per convertire in legge il cosiddetto "decreto vaccini", che aveva previsto l'obbligatorietà per 12 sieri, rendendo la vaccinazione necessaria per accedere alle scuole. "Quindi - conclude la Lorenzin - l'obiettivo è assolutamente centrato". Vediamo nel dettaglio le novità principali del testo rispetto alla prima versione licenziata dal Consiglio dei ministri. "I vaccini devono tornare obbligatori". Si tratta di quelli contro poliomielite, tetano, difterite, pertosse, epatite B, Hib, morbillo, parotite, rosolia e varicella. Io penso che lo abbiano fatto con l'intento di dire: affrontiamo intanto questa fase delicata, e poi tra 2, 3 anni rivediamo il tutto. Quattro vaccinazioni diventeranno consigliate caldamente dalla Asl e saranno gratuite secondo il Piano Nazionale. In questo modo diventano 14 i vaccini inseriti nel decreto. Il tetto massimo scende da 500 euro a 100 euro. Per i ragazzi dai sei ai 16 anni, invece, la scuola dell'obbligo sarà garantita ma la mancata copertura sarà sanzionata. Cade il riferimento al rischio di perdere la patria potestà. Annualmente l'Aifa dovrà pubblicare sul suo sito i dati relativi alla disponibilità dei vaccini in formula monocomponente o combinata. Ed in risposta ad un recente studio dei ricercatori Antonietta Gatti e Stefano Montanari, i quali hanno sostenuto la presenza di sostanze tossiche nei vaccini, interviene il direttore della divisione di Microbiologia e Immunologia allo Yerkes National Primate Research Center della Emory University di Atlanta, Guido Silvestri: "Le preparazioni vaccinali sono purissime", afferma, definendo lo studio "di qualità scientifica pessima". Via libera anche alla prenotazione delle vaccinazioni nelle farmacie convenzionate aperte al pubblico attraverso il Centro unificato di prenotazione (Cup).

Читайте также: Telefonino alla guida, patente sospesa da subito: ecco le novità

ANAGRAFE - Presso il ministero della Salute viene istituita l'Anagrafe nazionale vaccini, nella quale sono registrati tutti i soggetti vaccinati e da sottoporre a vaccinazione, le dosi ed i tempi di somministrazione e gli eventuali effetti indesiderati.

E' possibile evitare la vaccinazione solo nei casi di avvenuta immunizzazione a séguito di malattia naturale, comprovata dalla notifica effettuata in base alla disciplina vigente dal medico curante (notifica all'autorità sanitaria competente circa la sussistenza della malattia infettiva o diffusiva) o dagli esiti dell'analisi sierologica; o nei casi di pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate, attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2017 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Comments