Terremoto in Grecia e Turchia, le immagini

Adjust Comment Print

La scossa è stata avvertita all'1.31 del mattino (mezzanotte e mezza in Italia), con epicentro a circa 10 chilometri a Sud di Bodrum, nota località turistica della Turchia, e a 16 chilometri dall'isola greca di Kos. A Kos le persone spaventate sono uscite di casa e si sono riversate nelle strade temendo che le case potessero crollare.

Totò Riina, no alla scarcerazione: "Non sarebbe curato meglio altrove"
Riina , in precarie condizioni di salute e' detenuto in regime di 41 bis ed e' ricoverato all'ospedale Maggiore di Parma . Una lunga vicenda giudiziaria, su cui ora deve nuovamente esprimersi la Cassazione .

Un mini tsunami si è sviluppato dopo le scosse e ha trascinato a riva cinque pescherecci che erano ormeggiati nel porto. Non ci sono per ora informazioni sull'identità delle vittime ma "sono turisti stranieri", riferisce il sindaco di Kos: hanno perso la vita nel crollo del soffitto di un bar. Il sisma è stato seguito un piccolo tsunami nell'area di Bodrum, dove l'acqua si è addentrata fino ad un centinaio di metri all'interno della costa. L'ospedale principale di Bodrum è stato evacuato e sono state pubblicate immagini di pazienti sulle barelle all'esterno della struttura. Meccanismi e zone diversi da quelli che hanno provocato nei mesi scorsi il terremoto di Amatrice. I due turisti morti sono un turco e uno svedese. "Paura? Tanta, tantissima" - chi parla è Luca, parmigiano in vacanza a Kos, Grecia, che chiede un parziale anonimato per la serenità della propria bambina, che ha vissuto con lui l'incubo del terremoto nell'isola greca. Molti di loro hanno trascorso il resto della notte all'aperto. Il sisma è stato generato dal blocco turco-anatolico, "che si muove abbastanza rapidamente verso ovest, verso l'Egeo, sotto la spinta dell'Arabia". Luigi Iannuzzi, console italiano a Smirne ha dichiarato che, al momento, non vi sono connazionali feriti. Al momento le autorità hanno invitato la popolazione ad allontanarsi dalle coste. I palazzi danneggiati sono per la maggior parte quelli più antichi, costruiti prima dell'introduzione dei regolamenti di costruzione antisismici, sempre secondo quanto ha riferito il primo cittadino dell'isola e tra i feriti ci sono gli abitanti di un palazzo crollato. "I nostri recapiti d'emergenza sono attivi per chiunque ne avesse bisogno", ha aggiunto.

Comments