"A Roma sta finendo l'acqua", Zingaretti lancia l'allarme

Adjust Comment Print

La Regione Lazio decide la sospensione del prelievo dell'acqua dal lago di Bracciano a causa del progressivo impoverimento del lago che ha reso necessario l'avvio di un'azione di salvaguardia degli aspetti ambientali-naturalistici del bacino, con l'obiettivo - scrive Repubblica - di recuperare per quanto possibile la sua naturale integrità ecologica.

Dopo lo stop ai prelievi d'acqua dal lago di Bracciano, fissato dal governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, per il2 8 luglio, l'emergenza siccità per Roma ed anche per tutta la regione si fa pressante. Il problema più grave è la siccità, motivo per il quale nei prossimi giorni sarà difficile continuare ad erogare l'acqua dai rubinetti - una situazione paradossale.

"A Roma stiamo finendo l'acqua". Mi auguro che Regione e Acea trovino quanto prima una soluzione condivisa.

Ostuni tragedia nel mare, onde alte annegano due persone
Quando il mare è agitato, in località Pilone si forma una risacca fortissima, che trascina i bagnanti alla mercé dei flutti. Una terribile tragedia si è registrata ieri mattina, alla spiaggia del Pilone a Ostuni , in provincia di Brindisi .

"Acea preleva dal lago di Bracciano solo l'8% di tutto il fabbisogno e quindi immagino una quantita' non importante dell'acqua. Per ridurre al massimo i disagi - ha dichiarato Zingaretti - Acea ha stabilito degli orari di eventuale blocco". Nell'estate rovente 2017, della crisi idrica e degli incendi, l'Acea annuncia l'arrivo della misura "obbligata", come sottolinea la multiutility, dopo la decisione della Regione Lazio di sospendere il prelievo dal lago di Bracciano.

Come comunica, in una nota, il portavoce di Acea, "la drastica riduzione dell'afflusso di acqua alla rete idrica della Capitale ci costringerà a mettere in atto una rigida turnazione nella fornitura che riguarderà circa 1.500.000 romani". Secondo Saccani "azzerare la derivazione fa risparmiare 1,5 centimetri ma da qui a 7 giorni non troveremo nessuna soluzione se non razionalizzare l'acqua a Roma e ai romani, al Vaticano, ai palazzi istituzionali, alle attività produttive". "Il Gruppo altresì tutelerà in ogni sede non solo le proprie ragioni - conclude - ma anche gli interessi di tutta la sua utenza". "Il decremento negativo del lago è stato dovuto essenzialmente a due fattori: al prelievo per l'approvvigionamento idropotabile e all'evaporazione, particolarmente intensa in relazione alle alte temperature, e aggravata peraltro dalla perdurante assenza di precipitazioni nei mesi scorsi". Acea ato 2 Spa, spiega Repubblica, sarà tenuta a trasmettere alla direzione regionale i dati giornalieri del livello idrometrico del bacino.

Comments