Abolizione dei vitalizi parlamentari, il ddl arriva alla Camera

Adjust Comment Print

Alla fine, la legge che taglia i vitalizi approda in aula alla Camera. L'obiettivo è arrivare all'approvazione prima della pausa estiva. Forza Italia, invece, dovrebbe votare contro. "L'arrivo al voto del ddl sui vitalizi, infatti - attaccano gli esponenti pentastellati - è merito del nostro fiato sul collo degli esponenti del Pd, in quanto abbiamo svelato il loro bluff, quando siamo andati alla Ragioneria generale dello Stato per scoprire che il Pd stava facendo il solito gioco delle tre carte".

"I vitalizi, quelli veri, li ha aboliti il centrodestra nel 2011".

Stranger Things: il trailer della seconda stagione dal Comic Con
Will Byers è stato salvato dal Sottosopra , ma un'entità più grande e pericolosa ancora è intorno a loro. Un trailer che, proprio come la prima stagione, vuole rimarcare i suoi legami alle atmosfere anni '80 .

Non è un dettaglio, ma il punto centrale della questione. Anche se Danilo Toninelli (M5S) non nasconde la sua preoccupazione: "Noi sosteniamo e voteremo la pdl Richetti anche se non è la nostra proposta. Seguendo il precedente che seguirà a questo provvedimento tutte le pensioni potranno essere ricalcolate sulla base del sistema contributivo, che è molto ma molto meno vantaggioso del retributivo". Per ogni anno in cui restano in carica oltre i primi cinque, deputati e senatori possono godere di un anno d'anticipo sull'erogazione della pensione. "E quindi protesto e sento anche il dovere di alzare la voce, perché io non vedo in questi ultimi mesi riflessioni che portano a valori". Sono degli sprovveduti, quello che mi spaventa è questo, l'improvvisazione senza pensare a cosa succede dopo, agli ostacoli.

E' arrivato alla Camera il disegno di legge per l'abolizione dei vitalizi per deputati e senatori e la riforma del sistema pensionistico dei parlamentari. "Però un diavoletto suggerirebbe che probabilmente non era necessario minacciare nessuno e/o che si tratta della più volte preconizzata mafia dei colletti bianchi". Cifre che non spostano certamente i conti di finanza pubblica ma che hanno un valore simbolico. Un contributo che la Corte Costituzionale considerò di natura tributaria, ritenendo perciò che fosse "un intervento impositivo irragionevole e discriminatorio ai danni di una sola categoria di cittadini". In gioco ci sono, come si dice, dei "diritti acquisiti". "Perché semmai la proposta Richetti passasse alla Camera non passerà al Senato, e semmai passasse a palazzo Madama verrà bloccata per manifesta incostituzionalità dalla Corte costituzionale". E dunque tutti devono avere lo stesso trattamento, compresi i parlamentari. "Se noi non riuscissimo ad approvare questa legge, ad esultare sarebbe chi mantiene il privilegio".

Comments