Caporalato, 3 imprenditori arrestati a Ragusa. Pagavano 3 euro l'ora

Adjust Comment Print

Tre titolari sono stati arrestati, altre nove persone sono state denunciate, tutte per violazione della legge sul caporalato, approvata lo scorso anno. La Terra (soggetto gia' accusato di avere fatto parte di un'associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e tratto in arresto dalla Squadra Mobile nel 2014), impiegava 13 braccianti agricoli di cui solo 4 avevano un contratto; 5 dei dipendenti di origini albanesi erano totalmente irregolari sul territorio nazionale e per questo il titolare verra' denunciato anche per questo reato e gli stranieri espulsi dall'Italia. Considerando la prima fase dell'operazione Alto Impatto-Freedom, sono state controllate in totale 867 persone e 76 aziende.

Nello specifico i controlli in provincia di Ragusa hanno portato all'arresto di 3 italiani che, secondo la Polizia, costringevano alcuni braccianti a turni di circa 12 ore per un compenso di 30 euro al giorno. Altre sei denunce sono infine scattate per altrettanti titolari di aziende agricole, tra cui due di Vittoria ed Acate. Il controllo è nato da un'attività di routine della Polizia Stradale, che durante un controllo su un autoarticolato ha scoperto i 13 operai nascosti da un telone in plastica. Inoltre gli operai hanno raccontato di venire pagati 25 euro al giorno per otto ore di lavoro, cioè, anche in questo caso, tre euro all'ora, ben lontano dalla paga prevista dai contratti collettivi. Gravissime condizioni di degrado all'interno dell'azienda agricola e in particolar modo nei magazzini trasformati in abitazioni per nulla idonee, come certificato dall'Asp di Ragusa.

Da segnalare anche due aziende, un'impresa di Ispica ed una di Santa Croce Camerina, che rispettavano alla lettera le prescrizioni.

Milan, presentata la terza maglia creata dai tifosi
Parola anche a Mirabelli , che si è limitato a un breve commento: "Farò nostra questa frase 'nulla è impossibile'". Ricordiamo che per Kessie il numero 19 ha un significato del tutto particolare.

Gli altri due arrestati nel corso della seconda fase dell'operazione Freedom sono stati i fratelli Emanuele e Massimo Giamblanco, rispettivamente 48 e 40 anni. Dichiarazioni rese nonostante le minacce ricevute all'arrivo degli agenti.

La Squadra Mobile di Ragusa, con l'ausilio della Polizia Stradale e dei Commissariati di Modica e Vittoria, ha arrestato tre imprenditori e ne ha denunciati altri 9 per sfruttamento dei braccianti agricoli. L'Ispettorato del Lavoro, l'Inps e l'Asp procederanno a contestare le diverse infrazioni accertate nell'ambito dei suddetti controlli. Ad Ispica e Santa Croce Camerina Camerina, controllate due aziende virtuose che operavano nel pieno rispetto delle normative.

I controlli, effettuati dal 17 al 21 luglio, hanno richiesto l'intervento, oltre che della polizia di Stato, anche del personale del corpo forestale, dell'Inps, dell'Ispettorato territoriale del lavoro, dell'Asp di Ragusa e dei comandi delle polizie locali.

Comments