Attacco hacker ad Unicredit, violati 400mila clienti

Adjust Comment Print

Unicredit rassicura, comunque, i clienti sottolineato che i loro conti correnti non sono a rischio anche se qualche dato personale o IBAN potrebbe essere stato trafugato. Potrebbe invece essere avvenuto l'accesso ad alcuni dati anagrafici e ai codici IBAN. Secondo le risultanze della banca una prima violazione sarebbe avvenuta tra settembre e ottobre 2016 e una seconda intrusione in giugno e luglio 2017.

Roma - Con un comunicato stampa sul sito ufficiale Unicredit ha reso noto di aver subìto un' intrusione informatica ai danni dei clienti che hanno sottoscritto con la banca un prestito personale.

(...) incontrerà quello del Governo di accordo nazionale della Libia, Fayez
La Francia macroniana, infatti, sostiene il Governo Farraj in quanto membro dell'Unione Europea ma allo stesso tempo si offre come interlocutore privilegiato del generale Haftar.

La banca spiega di aver informato le autorità, e annuncia un esposto alla Procura di Milano. Unicredit, che ha ribadito di aver adottato tutte le misure necessarie per impedire nuove future violazioni, ha messo a disposizione dei suoi clienti il numero verde 800323285 per fornire ai propri clienti tutte le informazioni ed i chiarimenti sulla questione. Secondo Unicredit nessun dato sensibile, come codici o password, è stato sottratto durante l'intrusione informatica, quindi gli hacker non hanno accesso ai conti dei clienti colpiti. Sembra che, per questa volta e per fortuna, non siano stati sottratti dati che permettano di operare con l'account dei clienti.

Ovviamente la vicenda ha avuto un risalto negativo anche a Piazza Affari dove UniCredit ha aperto in ribasso dello 0,71%, mentre anche gli altri titoli bancari hanno iniziato la giornata con il segno negativo. Gli episodi seri sono molti e a volte non vengono neppure rilevati dagli stessi istituti! Un circolo di informazioni costanti e immediate possono far salire la sicurezza concentrando anche i vari versanti della sicurezza cyber sul problema mirato. "Su questa proposizione ci si aspetta un ruolo attivo di tutti, istituzioni, società regolamentate e strategiche, società italiane della cyber security che abbiamo e sono tra le prime al mondo!"

Comments