Fincanteri-Stx, le Monde: Francia decide di nazionalizzare

Adjust Comment Print

Il Governo italiano, per bocca dei ministri Pier Carlo Padoan e Carlo Calenda, ha seccamente rispedito al mittente la richiesta del Governo francese di rivedere l'assetto societario dei cantieri bretoni malgrado la Fincantieri ne abbia rilevato in un'asta internazionale promossa dal tribunale di Seul il 66,7% e abbia tutto il diritto di gestirli in prima persona, come concordato a suo tempo con il presidente Hollande. E c'è un discorso di dignità politica, si osserva, che il governo in questo momento non intende svendere per portare a casa comunque, ad ogni prezzo, un accordo industriale che senza controllo azionario e di governance potrebbe riservare più insidie che vantaggi considerato anche l'alto tasso di conflittualità sindacale dei cantieri francesi. Arnold Donald, ceo del gruppo crocieristico americano Carnival, grande cliente Fincantieri, disse che "hanno bisogno di acquisire nuovi siti perché i loro sono saturi per i prossimi anni".

"Siamo fiduciosi che l'accordo sara' raggiunto ma per noi resta la condizione che la combinazione delle due societa' possa creare ulteriormente valore".

Nel frattempo il titolo della Fincantieri ha perso circa il 10% alla Borsa di Milano scendendo a 0,945 euro per azione. Il blitz per celebrare rapidamente un accordo sulla Libia non viene messo direttamente in relazione e su molti dossier inoltre, filtra dall'esecutivo, si sta lavorando in sintonia con Macron. Oggi, dopo le indiscrezioni e i rumors dei giorni scorsi, il ministro dell'economia, Bruno Le Maire, davanti alla Commissione degli affari economici del Senato, è venuto allo scoperto affermando: "Aspettiamo la risposta del governo italiano sulla proposta di un'azionariato diviso a metà fra Italia e Francia".

Lo Stato francese è già titolare del 33% delle azioni di Stx, ed eserciterà dunque il proprio diritto di prelazione sulla restante parte del capitale.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano.

Emergenza a Roma, il governatore Zingaretti: "Non abbiamo più acqua"
Poi cerca di calmare le acque: "Io non faccio polemiche, mai le farò, ma chiedo ad Acea di formalizzare una proposta alternativa". Tra questi ci sono Rocca Priora, Rocca di Papa, Zagarolo, Montecompatri, Grottaferrata e Lariano .

Parlando con gli analisti il top manager ha precisato che "non siamo meno dei coreani". Nessuno in Europa dirà nulla contro una nazionalizzazione fatta dalla Francia esclusivamente per impedire che un'azienda italiana prendesse il controllo.

L'accelerazione arriva dopo la scelta francese di voler rivedere gli accordi sull'acquisto, da parte del colosso della cantieristica navale italiana, della Stx.

Gli italiani hanno già subito le campagne napoleoniche in Italia del 1800.

Non sappiamo ancora cosa vuol fare Macron che ha la desinenza in comune con Napoleon.

Comments