Milan, caso fideiussioni Bonucci e Biglia: "Le banche dicono no"

Adjust Comment Print

Il Milan è la regina incontrastata di questa sessione estiva con ben 11 colpi messi a segno dalla coppia Fassone-Mirabelli. Come riporta Calcioefinanza.it, il club rossonero è a caccia di garanzie per blindare le fideiussioni necessarie all'acquisto di Leonardo Bonucci e Lucas Biglia. Il ritardo del Milan nella presentazione delle relative fideiussioni. I gradi a Milano sono 35, il gran caldo sicuramente non aiuta ma tiene viva la temperatura già incandescente, come dovrà essere per tutta la stagione. La dirigenza si è rivolta al Banco BPM che però ha dato una risposta negativa. E avrebbe specificato di non poter fare altrimenti, se si vogliono seguire le regole del sistema creditizio.

Le società di calcio presentano infatti, con rarissime eccezioni, bilanci in perdita, ragion per cui per accedere al credito devono fornire alle banche garanzie su asset diversi (futuri ricavi, immobili ecc.).

Una precisazione che non riguarda solo il nuovo proprietario del Milan, ma anche altri investimenti all'estero di primarie società cinesi nel campo dello sport e più in generale dell'intrattenimento.

Rcs: semestre in utiledopo 9 anni(24mln)
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Bene il servizio corriere espresso, Logistica e Pacchi cresciuto dell' 8,9% rispetto al primo semestre del 2016.

Il vero nodo della questione è che il Milan, attualmente, ha i suoi asset finanziari interamente impegnati come pegno per il finanziamento effettuato dal fondo americano Elliot.

Non ci sarà da meravigliarsi se la società rossonera alla fine saprà trovare la quadra della complessa vicenda finanziaria. Per il momento la BPM, anche sponsor dei rossoneri, ha rifiutato le proposte del Milan. Non per nulla, nella nota il SAFE afferma che "non sono oggetto di indagine gli investimenti all'estero di Wanda Group e Rossoneri Zhejiang Investment".

Comments