MotoGP: Marquez si prende la pole a Brno, ma Rossi è incollato

Adjust Comment Print

E aggiunge: "Questo weekend sta andando abbastanza bene, il passo è buono e ho fatto un bel giro veloce da solo". Lo spagnolo della Honda ufficiale scatterà dalla prima posizione in griglia.

La seconda fila viene aperta dalla Ducati di Andrea Dovizioso (1'55 " 441) che ha confermato dei progressi rispetto alla giornata di venerdì. Il pilota, dopo aver trascorso le vacanze a Ibiza con Belen Rodriguez, ha dichiarato di poter lottare per i vertici della classifica.

Ducati innovativa. La più grande arma che ha la Ducati è la creatività dei suoi uomini. Brno sarà fondamentale, ecco le sue dichiarazioni alla vigilia della trasferta tedesca: "Mi sono riposato durante queste vacanze, ho passato molto tempo con i miei amici, ma sono tornato presto ad allenarmi e mi sento bene". Maverick si è sgonfiato dopo il bruciante avvio di stagione.

Rcs: semestre in utiledopo 9 anni(24mln)
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Bene il servizio corriere espresso, Logistica e Pacchi cresciuto dell' 8,9% rispetto al primo semestre del 2016.

Subito prestanti Petrucci e Folger, i favoriti per il passaggio nella seconda sessione di prove ufficiali. Lorenzo, autore del terzo tempo, ha visto annullarsi il proprio giro a causa di una irregolarità. Il ternano ha sfruttato l'ultimo tentativo utile a sua disposizione, girando in 1:56.220, precedendo di 234 millesimi il 32enne iberico, che tiene fuori per meno di un centesimo Alex Rins (Suzuki).

In Q1, prima tagliola della qualifica nella top class, avanzano Danilo Petrucci (Team Pramac) ed Alvaro Bautista (Team Aspar), entrambi su Ducati. Con lui tra le curve e i cambi di direzione di Brno anche il team-mate Dani Pedrosa, altro nome da non sottovalutare quindi in vista dell'imminente gara ceca e, tutto sommato, neppure in ottica mondiale, dove le lunghezze di distanza dalla vetta sono "solo" 26.

Il solito missile, versione copia/incolla del Sachsenring. Ma sente sul collo il fiato di Valentino Rossi (in ritardo di appena 92 millesimi). Prima fila completata dal portoghese Oliveira e dal romano Franco Morbidelli, leader della categoria. Ma stamattina avevo visto che la Yamaha funziona bene qui, anche l'anno scorso andavano molto forte e domani saranno molto vicini se non allo stesso livello, sarà dura andare sul podio.

Comments