Mondiali Atletica 2017, Bolt ammaina la bandiera: Gatlin re dei 100!

Adjust Comment Print

Il favorito è il keniano Ezekiel Kemboi, che ha vinto due ori olimpici e quattro ori (e tre argenti) ai Mondiali. Oro del disco al lituano Andrius Gudzius (69,21) sullo svedese Daniel Stahl (69,19) e sullo statunitense Mason Finley (68,03).

Domenica 6 agosto, invece, sono in calendario, alle 11.55, la maratona maschile e alle 15 quella femminile; alle 20 il salto con l'asta femminile, alle 21.35 il lancio del peso maschile, alle 21.40 l'eptathlon femminile (800 metri) e alle 21.50 la finale dei 100 metri femminili. In ordine di tempi ottenuti nelle semifinali. E alla conclusione della gara tutti ad applaudire Bolt e Coleman, che ha conquistato il secondo posto. La finale andrà in scena alle 22:45.

Un boato allo Stadio Olimpico di Londra ha accolto Usain Bolt, attesissimo protagonista nella prima giornata dei Mondiali 2017 di atletica leggera. Come ha dichiarato Giomi "Ci aspettiamo che gli atleti diano il meglio di loro stessi, che riescano ad esprimersi al meglio subito, anche durante le qualifiche". "Il miglior tempo è dell'altro giamaicano Julian Forte, unico capace di scendere sotto i 10" (9.99), precedendo così l'ivoriano Ben Youssef Meité (10.02).

"Sara Errani positiva al doping". Attesa la conferma Federtennis
L'unica ipotesi percorribile è stata quella di un'accidentale contaminazione del cibo consumato all'interno della nostra casa. Sara Errani potrà quindi tornare in campo dal prossimo 4 ottobre.

"Vi ringrazio per il supporto che mi avete sempre riservato" si legge nell'intervento al microfono dello stadio riportato sulla Gazzetta dello Sport in edicola oggi, nel pezzo firmato da Andrea Buojngiovanni. Oltre a costituire il maggior rivale per Bolt, il canadese avrebbe dovuto partecipare anche nei 200m, dove senza Bolt, avrebbe potuto vincere l'oro. "Ci sono tante rivalità in questi giorni ma anche io sono con Bolt, è stato il più grande". E lo fa con tutta la dignità possibile, riconoscendo la grandezza di Bolt (e inginocchiandosi ai suoi piedi dopo il traguardo) e facendosi sfuggire - solo per un istante - un gesto di rabbia nei confronti delle tribune. L'avversario più temibile per la finale dei 100m maschili, sembra essere Coleman, 10.01 in estrema scioltezza.

Il favorito sarebbe stato il keniano David Rudisha, che però ha dovuto saltare i Mondiali per infortunio. Racconta su Repubblica Emanuela Audisio: "Non ha mai fatto finta di essere impegnato: non sapeva chi fosse Jesse Owens, non vuole rogne politiche".

Comments