Aubameyang, il Milan e un altro like "sospetto" su Twitter

Adjust Comment Print

Durante un'intervista televisiva Mirabelli, direttore sportivo del Milan, ha parlato del tanto atteso rinforzo in attacco: "Arriva Kalinic?". Toto-punta, qual è l'uomo giusto per il Milan di Montella?

Marcinelle, Mattarella: "Tragedia emigrazione". Salvini all'attacco: "Si vergogni"
Ricorre oggi il 61esimo anniversario della tragedia di Marcinelle , cittadina del Belgio in cui a causa di un incendio nella miniera del Bois du Cazieri l'8 agosto 1956 morirono 262 minatori, di cui 136 italiani.

Non hanno fretta, però. In mezzo a tutto questo, poi, si sono trovati anche a dover spiegare la "grana" fideiussioni di Bonucci e Biglia: una questione risolta subito sul nascere, senza prolungare oltremodo i sospetti su presunti problemi economici del club. Se prendi Bonucci e Biglia, saprai quello che stai facendo? Nuovo attaccante? Ci stiamo lavorando e non possiamo sbagliare: anche Nikola Kalinic e Diego Costa sono nella nostra lista. "La punta ci vuole, per noi è importante e non possiamo sbagliare". Un'esperienza intensa, dura - ammette Mirabelli - Non era facile tenersi Donnarumma, prima ci avevano provati altri inutilmente, eppure ce l'abbiamo fatta, perché era importante, una conquista su cui costruire il resto. Io non posso sbagliare per questi tifosi che mi apprezzano per quel che si è fatto, per la trasparenza del mio lavoro. Il suo affare promette ottimismo visto il suo rifiuto alle squadre cinesi, ma nonostante tutto il ds dei diavoli ha già in mente un piano B: "Aubameyang è nel mio destino: è stato il primo giocatore che sono andato a vedere dal vivo, il mio primo viaggio fu proprio per lui". Ma la trattativa non si è ancora concretizzata e nel frattempo il calciatore ha continuato il ritiro con i viola e ha anche preso parte ad alcune amichevoli. Poi sull'entusiasmo: "L'ho visto qui e in Cina, dove c'è un entusiasmo come a San Siro".

Comments