Parigi, soldati feriti da un'auto. Ipotesi di un atto deliberato

Adjust Comment Print

Tutti e 6 i soldati, appartenenti ad un reggimento di fanteria, sono rimasti feriti e 3 sono in gravi condizioni. Blindato il quartiere della Place de Verdun, il luogo dove i militari sono stati investiti: è stato eretto un perimetro di sicurezza. Si cerca il responsabile al momento in fuga. Convocata una riunione d'emergenza al ministero degli Interni.

L'inchiesta è stata affidata alla procura dell'antiterrorismo francese. Balkany ha riferito che "il veicolo era posteggiato e quando i soldati sono usciti ha accelerato e si è precipitato su di loro". Secondo quanto viene riportato dai media locali, l'aggressione è avvenuta alle 8.35 di questa mattina, quando i militari impegnati nell'operazione anti terrorismo uscivano dalla loro caserma. Inoltre da primi accertamenti non ci sono dubbi che l'atto sia deliberato e non accidentale. Un testimone raggiunto da Bfmtv ha raccontato di aver visto tutta la scena: svegliato dal botto dell'auto, avrebbe visto un militare a terra. Il sito di Le Parisien ha diffuso una sua foto.

Arrivano i rinforzi. Minniti a Foggia sfida la malavita organizzata
E' per questo motivo che ho voluto ascoltare i sindaci e i loro consigli. Il loro compito sarà quello di saturare il territorio ". Avere cioè una partecipazione attiva della gente.

Un comunicato contenente la ferma condanna del ministro della Difesa francese, Florence Parly, è stato diffuso in mattinata: in esso ha espresso anche il pieno sostegno alle vittime e alle famiglie.

Intanto, in Francia si riapre il dibattito sulla reale efficacia dell'operazione Sentinelle, il dispositivo attivato dopo gli attentati del 2015 che prevede circa 10'000 soldati su tutto il territorio francese, insieme alle misure di sicurezza previste dalla nuova riforma sull'antiterrorismo. L'uomo era ignoto ai servizi segreti (non era schedato con la ormai nota lettera 'S' che indica i sospetti terroristi Oltralpe) ma conosciuto dalla polizia per piccoli reati. Immediatamente è scattata la caccia ai complici dell'algerino soprattutto a Sartrouville, nel dipartimento delle Yvelines nella banlieue a sud ovest di Parigi dove vive.

Comments