Taranto, pugnalò anziana in ospedale con un cacciavite: fermato

Adjust Comment Print

E' purtroppo morta, nella notte, la vittima dell'aggressione di martedì scorso all'interno del Pronto Soccorso del SS.Annunziata di Taranto.

Maltempo, grandine e trombe d'aria in Veneto: un disperso e tre feriti
Dalle ore 17:15 il traffico è inoltre sospeso a Latisana (Udine), per la caduta di lamiere sulla linea aerea. Il Friuli è l'altra regione del Nordest che ha subito più danni, dal medio Friuli fino alla costa adriatica.

La 74enne è stata colpita alla testa con un cacciavite. L'aggressore, Giovanni Maggio, un tarantino di 42 anni, è stato arrestato dalla polizia mercoledì sera. Dalle indagini è emerso che il tribunale aveva imposto al 42enne di avviare un percorso di cura con il Centro di igiene mentale e con il Sert. L'uomo poche ore dopo è stato identificato e sottoposto a fermo grazie alle riprese del sistema di videosorveglianza e alle dichiarazioni di alcuni testimoni. Maria Domenica Dursi era stata inizialmente dichiarata morta cerebralmente a seguito delle ferite riportate, ma un piccolo segnale vitale rilevato dagli esami strumentali aveva indotto i sanitari a interrompere il periodo di osservazione. Gli gli agenti, quando hanno bloccato Maggio, gli hanno trovato addosso una serie di documenti relativi a precedenti denunce nei confronti di un certo numero di persone e una serie di schede di accesso al Pronto soccorso dell'ospedale di Taranto.

Comments