Caso Consip: Alfredo Romeo torna in libertà

Adjust Comment Print

Alfredo Romeo è tornato in libertà.

Dopo 168 giorni l'imprenditore Alfredo Romeo, imputato di corruzione nell'inchiesta della procura di Roma sul caso Consip, è ritornato libero, lo ha deciso il Tribunale del Riesame dopo il rinvio della Corte di Cassazione che nelle scorse settimane aveva annullato l'ordinanza cautelare.

Un'altra vittoria per i legali dell'imprenditore, Francesco Carotenuto, Giovambattista Vignola e Alfredo Sorge, che hanno visto accogliere il loro ricorso contro il provvedimento di carcerazione. "Romeo, sottolineando la solidità e la trasparenza delle Società del gruppo Romeo, additate per mesi, in modo diffamatorio, come facenti parte di un 'famigerato sistema', che la stessa Cassazione ha definito come inesistente e frutto di una fantasiosa ipotesi investigativa mai riscontrata nei fatti".

Читайте также: Schianto contro un palo a Trani l'Irpinia piange chef Casale

In un altro filone dell'indagine - quello napoletano - sono indagati anche Tiziano Renzi, il padre dell'ex premier, il ministro dello Sport Luca Lotti e il comandante generale dei Carabinieri Del Sette.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2017 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Comments