Uova contaminate: due casi in Italia

Adjust Comment Print

Ovviamente non bisogna mollare la presa, tant'è che il Ministero ha assicurato che verranno fatte le conseguenti segnalazioni alle Regioni e alle Asl competenti.

"Il Ministero della salute, in collaborazione con le autorità sanitarie regionali e il Comando Carabinieri per la tutela della salute - si legge in una nota - ha proseguito nella scorsa settimana un'intensa attività di monitoraggio su uova, prodotti derivati e alimenti che li contengono, sia di provenienza estera che nazionale, per la ricerca di eventuali contaminazioni da fipronil".

Ora, come comunicato dal Ministero della Salute, "per quanto riguarda l'attività analitica, ad oggi gli Istituti zooprofilattici hanno completato le analisi su 114 dei campioni pervenuti".

Sono stati inoltre gestiti, con segnalazioni alle autorità territoriali e attività di rintraccio, i sei messaggi sul sistema di allerta comunitario RASFF che riguardavano anche l'Italia.

Serie A: Kolarov su calcio di punizione. Atalanta-Roma 0-1
Gasperini dovrebbe riproporre un 3-4-2-1 che vedrebbe Berish tra i pali e con Masiello-Caldara-Toli a difesa dello specchio. Condivido ciò che dice il presidente: per una società come l'Atalanta è fondamentale restare in serie A .

(Fonte: Ufficio stampa Coldiretti) - Fare i nomi delle aziende coinvolte, pubblicare come in Francia subito l'elenco dei prodotti coinvolti e togliere il segreto sulla destinazione finale di tutti i prodotti alimentari importati rendendo finalmente pubblici i flussi commerciali delle materie prime provenienti dall'estero. La seconda sigla indica invece il Paese d'origine (ad esempio IT). Il Fipronil era stato utilizzato per errore in alcune fattorie dei Paesi Bassi, Belgio e Germania.

Un piccolo laboratorio artigianale di pasta all'uovo in provincia di Roma e uno stabilimento di uova in provincia di Ancona. "Premesso che si tratta di una sostanza che deve essere assolutamente assente negli alimenti, la quantità di fipronil rilevata, pur superando il valore limite, è molto sotto la soglia di tossicità acuta, quindi sono escluse conseguenze per la salute umana", spiega e aggiunge: "E' una sostanza che non si accumula, perché viene eliminata" dall'organismo.

L'USAV rileva che i detergenti e i disinfettanti in cui è stato mescolato il Fipronil non sono presenti sul mercato svizzero e non vi sono indizi di collegamenti fra l'azienda che lo ha prodotto e altre imprese svizzere.

Sulle due positivita' sono in corso accertamenti per individuare le cause della contaminazione.

Comments