Migranti sgomberati a Roma, scontri con gli agenti

Adjust Comment Print

"Sono venuti questa mattina presto e ci hanno detto di andarcene". "Ma adesso dove dobbiamo andare?". Dura condanna dell'Unhcr: "L'uso della forza poteva essere evitato".

Durante l'operazione gli agenti sono stati colpiti con lanci di sassi e bottiglie, bombole di gas e spray al peperoncino. Utilizzate bombole di gas aperte messe in sicurezza grazie al repentino intervento dei poliziotti. Al grido di "Italia vergogna" il breve corteo, una cinquantina di persone, prima ha impedito il passaggio di auto e taxi, poi si è spostato in direzione di piazza della Repubblica.

Tensioni a Roma per lo sgombero di un centinaio di migranti. "Siamo al paradosso, le nostre forze dell'ordine che rischiano la vita a causa di gente che non dovrebbe neanche trovarsi sul nostro suolo" dichiara in una nota Davide Bordoni, coordinatore e capogruppo al Campidoglio di Forza Italia, che parla anche di "uno spettacolo ignobile per i turisti giunti alla stazione Termini".

C'erano molte donne tra i migranti, e queste si sono inginocchiate per terra con le braccia alzate.

Calciomercato Napoli: super offerta del PSG per Reina
La società, dal canto suo, non sembra disposta a lasciar partire il portiere nonostante l'allettante offerta . Per l'ex Liverpool si è fatto ufficialmente avanti il PSG .

Scontri stamattina, in pieno centro a Roma, tra migranti e forze dell'ordine. "Siamo stati svegliati con l'acqua degli idranti". Sabato scorso erano stati allontanati dal palazzo della vicina Via Curtatone, che occupavano abusivamente dall'ottobre 2013. Centinaia di donne, uomini e bambini sono accampati in piazza Indipendenza da giorni, dopo lo sgombero dell'edificio di via Curtatone, senza che sia stata offerta loro una alternativa rispettosa dei loro diritti. Nuove cariche sono state effettuate dalla polizia nel corso della mattinata.

Secondo quanto si è appreso da fonti di polizia, un gruppo si è nuovamente radunato e ha tentato di bloccare il traffico in piazza dei Cinquecento, come riportato da Ansa. "Abbiamo chiamato l'ambulanza. Ora è in ospedale".

Maurizio Debanne di Intersos, altra ong che da mesi seguiva i rifugiati del palazzo. "I bambini sono stati esposti a continue tensioni e violenze e non sono stati garantiti i loro diritti basilari". Una situazione dolorosa che doveva e poteva essere evitata. La Questura afferma che hanno rifiutato qualsiasi sistemazione. Alcuni bambini frequentavano le scuole del quartiere. Questa situazione relativa al fenomeno migranti, che lei definisce ormai ingestibile, può avere conseguenze anche sotto il profilo del pericolo terrorismo? La piazza è ancora presieduta dalle forze dell'ordine. I testimoni raccontano che durante il percorso battevano le mani sui vetri del pullman e urlavano spaventati. La verità va detta tutta: questa situazione non è legata alla cosiddetta emergenza migratoria, è una situazione storica di Roma, sintomo dell'assenza di politiche adeguate e lungimiranti.

Comments